Cerca

Il comitato per Cucchi: "Morto

per abbandono terapeutico"

Il comitato per Cucchi: "Morto

Stefano Cucchi, il 31enne morto il 22 ottobre scorso sei giorni dopo essere stato arrestato, è morto «per abbandono terapeutico» un'ora prima rispetto a quanto denunciato e «senza che nessun medico lo avesse visitato». È la conclusione alla quale sono giunti cinque parlamentari del Pd-Pdl del comitato “Verità per Stefano Cucchi” che stamattina hanno fatto un'ispezione nel reparto detenuti dell'Ospedale Pertini dove il geometra romano è deceduto circa un mese fa.

«Stefano è morto per abbandono terapeutico -ha detto il presidente del comitato Luigi Manconi-. C'è anche una sorta di confessione da parte di un medico che dopo cinque giorni dal ricovero al Pertini scrisse per ben due volte che Cucchi rifiutava di nutrirsi fintanto che non lo avessero fatto parlare con il suo difensore. Insomma un atto di protesta per un mancato diritto». I cinque parlamentari, inoltre, dopo aver parlato con il direttore del reparto detenuti, dopo aver visto alcune celle e parlato con i detenuti e con due medici di turno, sono giunti alla conclusione che, per dirla con Melania Rizzoli parlamentare ma anche medico ospedaliero, «l'ora della morte di Cucchi va anticipata almeno di un'ora rispetto a quanto si è detto».  Sotto accusa, come afferma la radicale Rita Bernardini, anche «la mancata refertazione. Ci risulta che Stefano -ha detto Bernardini- abbia avuto sei visite e che i medici avessero registrato le ecchimosi sul suo corpo ma non c'è stata alcuna denuncia all'autorità giudiziaria dei traumi riscontrati». Un aspetto che sarà oggetto di una ulteriore interrogazione parlamentare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog