Cerca

Minacce di morte a Schifani

Subito rafforzata la scorta

Minacce di morte a Schifani
"Stia attento perchè è in pericolo la sua vita e quella dei suoi famigliari". Una lettera anonima, con minacce di morte, è stata recapitata due giorni fa a Palazzo Madama, destinatari il presidente del Senato Renato Schifani e la sua famiglia. Lo conferma il prefetto di Palermo, Giancarlo Trevisone, che ha disposto il rafforzamento della scorta nei confronti di Schifani. «Abbiamo aumentato - ha detto Trevisone - tutto il dispositivo di sicurezza come si prevede in questi casi». Nella missiva sono anche indicate le abitudini e i movimenti di Schifani. La lettera è datata 'Reggio Calabria, 21 novembre 2009' e il timbro postale è 'Bologna Cmp', su cui è segnata la stessa data. Sembra che le minacce siano riconducibili ad ambienti mafiosi. Le minacce arrivano dopo che la seconda carica dello Stato è stato chiamato in causa dal pentito di mafia Gaspare Spatuzza. L'uomo gli attribuisce un incontro con il boss di Cosa Nostra, Filippo Graviano nei primissimi anni Novanta. Schifani aveva smentito e annunciato querele.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudio66

    26 Novembre 2009 - 18:06

    capisco che bisogna dare in pasto all'opinione pubblica qualsiasi cosa pur di deviare l'attenzione, ma un ex avvocato dei mafiosi che viene minacciato mi sembra ridicolo (a meno che non sia un regolamento di conti). in piu non credo che rischi nulla nemmeno dalla magistratura . in 22 anni non è mai stato dato il permesso a nessun magistrato di arrestare un politico mafioso, ce ne sono troppi a proteggerlo. sarebbe invece meglio mettere direttamente i mafiosi in parlamento, almeno sapremmo con chi avremo a che fare e potremmo interloquire direttamente con gli interessati;in più spederemmo molto meno non pagando i loro sicari

    Report

    Rispondi

  • antari

    26 Novembre 2009 - 18:06

    anche gli attacchi alla magistratura vengono dal governo e dalla mafia. A questo non ci ha mai pensato, eh?

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    26 Novembre 2009 - 17:05

    Nel mio lavoro scientifico ho spesso utilizzato il metodo empirico per capire i fenomeni. L'empirismo sostiene che le nostre teorie devono essere basate sull'osservazione del mondo piuttosto che sull'intuito o sulla fede. Quindi utilizzando questo sistema che potrebbe anche essere chiamato pragmatismo segnalo alcuni dati. Berlusconi è lombardo, peggio brianzolo. Ha costruito un impero che oggi dà lavoro a moltissime persone, oltre 20 mila, e per ora non ha avuto bisogno di cassa integrazione. Come tutti gli industriali e i grandi politici qualche peccatuccio lo avrà commesso: chi è senza colpa lanci la prima pietra. Fino agli inizi degli anno '90 non è mai stato indagato. Ad oggi non ha ancora subito condanne definitive. Secondo le notizie di stampa,il suo governo nell'ultimo anno ha arrestato mediamente 8 mafiosi o camorristi al giorno. Nello stesso periodo ha sequestrato beni alle mafie per oltre 5 miliardi di euro. Mediamente i giudici sono per l'80% di regioni meridionali. Il presidente dell'ANM è campano.Il presidente, il vicepresidente del CSM sono campani. IL 50 % dei componenti togati del CSM sono campani. Il maggior numero di tessere del PD sono in campania. Puglia, Campania e Calabria sono feudi del PD e vi sono grossi problemi di gestione morali e giuridici. Ognuno tragga le conclusioni su questi dati. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • isaccoceri

    26 Novembre 2009 - 15:03

    Comè che gli attacchi al governo vengono da magistratura e mafia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog