Cerca

Abruzzo, bimba scrive ai vigli del fuoco:

"Per Natale recuperate il mio alberello"

Abruzzo, bimba scrive ai vigli del fuoco:
Luisa è una delle bambine d'Abruzzo. Rimasta senza casa, a 8 anni si trova ad affrontare il suo primo Natale da terremotata. E invece di scrivere a babbo Natale, sceglie più prosaicamente i pompieri. Che il suo desiderio, oggi, lo hanno realizzato. In una lettera, comprensiva di un euro "per ripagare i soccorritori", la bambina ha scritto: "Cari vigili del fuoco, vi scrivo per un favore: questo favore è se mi potete riprendere l'albero di Natale che si trova nella mansarda al quinto piano. Mi serve urgentemente per preparare le palline con mio fratello». Destinatari erano i vigili del fuoco della direzione regionale Toscana, che operano al campo base di Monticchio (L'Aquila). Che quell'albero l'hanno cercato, e recuperato, per davvero.
E che ora dicono: «Per noi sarebbe stato più facile ricomprarlo, magari più grande e sfarzoso invece le nostre squadre hanno rischiato, andando in una casa inagibile, e l'hanno preso. I nostri interventi servono anche a questo, a ricostruire la vita delle persone: per questa bambina significava tornare alla vita, quella vita che per qualcuno si è fermata il sei di aprile. Ogni giorno, la gente ci chiede documenti, diplomi, fotografie, oggetti cari rimasti sotto le macerie». Per ripagarli, l'euro aggiunto da Luisa non è servito. Bastava l'ultima frase della lettera: "Vi voglio bene tanto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog