Cerca

Napolitano: politici e media

troppo presi dalle liti

Napolitano: politici e media
«I mezzi di comunicazione e noi stessi che lavoriamo nelle istituzioni siamo spesso troppo assorbiti dai comportamenti litigiosi o comunque poco cooperativi che caratterizzano la nostra società politica e non guardiamo con sufficiente attenzione alle espressioni della nostra società civile», ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano salutando il mondo del volontariato al Quirinale. L’attenzione dei media e della politica dovrebbe rivolgersi più spesso a questa realtà che crea «spirito civico, fiducia negli altri, solidarietà».
Nell'occasione il capo dello Stato, con il ministro dell'Interno Roberto Maroni, ha conferito la Medaglia d'oro al Valor Civile alla memoria del Sottocapo della Marina Militare Pasquale Neri, deceduto il primo ottobre 2009 a Giampilieri, consegnata alla sorella Mariangela e ai familiari. La cerimonia è stata aperta da un filmato sulla storia del volontariato in Italia. Hanno reso poi la loro testimonianza Joana Tulbure e Rody Dinganga dell'Associazione «Il nostro Pianeta», progetto «Peer Education», ed è stato proiettato un filmato sui bambini «oncoematologici» assistiti dall'Associazione Onlus «Peter Pan», mentre l'attore Flavio Insinna ha letto alcuni testi di volontari Abio e una poesia di Erich Fried sul volontariato. Erano presenti anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, il presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera Donato Bruno, il presidente del Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato, Marco Granelli, il portavoce del Forum del Terzo Settore, Andrea Olivero, il responsabile della Consulta del Volontariato presso il Forum del Terzo Settore, Fausto Casini, e il presidente del Centro nazionale per il Volontariato, Giuseppe Zamberletti.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allanemadapalla

    05 Dicembre 2009 - 14:02

    Npolitaaà, Dimettiti... vatteeènne!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    04 Dicembre 2009 - 16:04

    Signor Presidente gli Italiani vedono in Lei il difensore della nostra Costituzione nata da una dura lotta di liberazione e pertanto la invitano ad intervenire affinchè la parte oscura della nostra magistratura sia messa al bando perchè in questo Paese,non si possono accettare che vi sia una magistratura i cui giudici vestono la camicia rossa o la tunica nera dell'inquisizione di Spagna svolgendo processi solo indiziari basati su delazioni di delinquenti della peggiore specie e manipolati a dovere affinchè dicano cose pazze per far saltare le istituzioni Costituzionali.Signor Presidente vogliamo una magistratura che agisca alla luce del sole e su solide prove provate e non immaginarie partorite da menti diaboliche e malate.Non vogliamo che questo Paese diventi l'antro dell'inferno.Fraterni saluti.

    Report

    Rispondi

  • gabrilella

    04 Dicembre 2009 - 14:02

    invece di guardare solo le liti, non ricordo anche con prodi c'erano queste tue prediche? anche loro erano sempre in lite, vedi di fare pulizia nel CSM di cui sei il presidente affinchè anche il CSM faccia pulizia in modo che il popolo possa cominciare ad avere fiducia nella giustizia. Se non è in grado di farlo perchè o non ha un vero interesse che ci sia un cambiamento o è ricattato si dimetta per il bene del popolo e dell'Italia tutta. Basta Presidente cominci a buttare fuori le mele marce, si dichiara siper partes questa è l'occasione vera per dimostrarlo.

    Report

    Rispondi

blog