Cerca

Processo Meredith: giudicati colpevoli

Amanda Knox e Raffaele Sollecito

Processo Meredith: giudicati colpevoli
Il destino di Amanda e Raffaele si compie a mezzanotte e cinque in punto, quando il presidente della Corte d'Assise di Perugia annuncia la condanna: i due sono colpevoli dell’omicidio di Meredith Kercher, uccisa a Perugia nella notte tra il 1° e il 2 novembre del 2007. Ad Amanda sono stati inflitti 26 anni di reclusione, a Raffaele 25 anni. I due imputati hanno evitato l'ergastolo, che era stato chiesto dai pubblici ministeri, perchè la corte ha ritenuto di escludere le aggravanti contestate e di concedere le attenuanti generiche. I reati, inoltre, sono stati dichiarati unificati dal vincolo della continuazione e quello di violenza sessuale assorbito nel reato di omicidio volontario. La Knox e Sollecito sono anche stati condannati al pagamento delle spese processuali, al risarcimento dei famigliari di Meredith e interdetti per sempre dai pubblici uffici.
La studentessa è esplosa in lacrime: «No, no...», ha mormorato abbracciata al suo avvocato Luciano Ghirga, mentre il presidente della corte Massei leggeva il lungo dispositivo. «Non è finita qui - dice per lei la matrigna - combatteremo fino alla fine». Impassibile, invece, l'ingegnere di Giovinazzo con gli occhi persi nel vuoto. Quando ha lasciato l'aula, la sorella gli ha urlato: «Forza, forza Raffaele...!». Per gli ex fidanzatini si chiudono così due anni sotto i riflettori di mezzo mondo; assassini crudeli per alcuni, ragazzi acqua e sapone stritolati da un meccanismo più grande di loro per altri.
I familiari sono stravolti, quelli di Amanda hanno affermato in una dichiarazione ai media: «Siamo molto dispiaciuti per il verdetto raggiunto oggi contro nostra figlia. Mentre sapevamo che questa era una possibilità, troviamo difficile accettare questo verdetto sapendo che Amanda è innocente e che l'accusa non è riuscita a spiegare perché non esiste alcuna prova della presenza di Amanda nella stanza quando Meredith è stata orribilmente e tragicamente uccisa. Ci sembra evidente che gli attacchi lanciati contro la personalità di Amanda da parte di gran parte dei media e da parte della accusa hanno avuto un impatto significativo sui giudici e sui giurati mettendo in secondo piano la mancanza di prove nel caso presentato dall’accusa. Amanda è innocente e continueremo a combattere per la sua libertà. Non la lasceremo sola».
Oltre che dell'omicidio di Meredith Kercher, Amanda Knox è stata condannata anche per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba, il giovane finito in carcere nella prima fase delle indagini proprio in base alle dichiarazioni della ragazza. Lumumba è stato poi dichiarato estraneo alla vicenda e - hanno stabilito i giudici - dovrà ora essere risarcito da Amanda. Proprio la dichiarazione di colpevolezza di Amanda per il reato di calunnia, non contestato a Sollecito, ha determinato la maggior pena (di un anno) per la ragazza rispetto al coimputato. Alla lettura del verdetto ha assistito anche lo stesso Lumumba, che è apparso frastornato: «non ho capito bene la sentenza» ha detto ai giornalisti che gli hanno spiegato della condanna di entrambi gli imputati. «No, non posso dire niente ora» ha aggiunto. Nessun commento neanche da parte del suo legale, l' avvocato Pacelli.
Così invece hanno commentato la decisione dei giudici i genitori di Raffaele: «Non hanno fatto il loro dovere, non lo hanno fatto fino in fondo. Dovevano assolverlo, Raffaele è innocente». La compagna del padre del giovane barese condannato, quando il ragazzo è stato portato via dall'aula ha urlato «forza Raffaele», prima di scoppiare in un pianto a dirotto. Il pubblico ministero Giuliano Mignini ha detto: «Le nostre richieste sono state accolte, la Corte in sostanza ha condiviso l'impianto accusatorio. È una sentenza che sicuramente le difese appelleranno. I giudici hanno ritenuto di concedere le attenuanti generiche ma comunque le nostre tesi sono state accolte. Leggeremo i motivi della sentenza. Comunque noi a questo punto usciamo di scena». Il pm Manuela Comodi ha commentato «La condanna, ad una pena anche severa, di due ragazzi lascia sempre l'amaro in bocca, ma credo che sia stata resa giustizia per un reato molto grave, l'uccisione di una giovanissima studentessa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Shift

    08 Dicembre 2009 - 14:02

    Lo dice lei che in quella casa ci fosse un festino erotico, la ciliegina dello sputtanamento mediatico atto a far decidere la gente per una condanna morale, atta a far condannare in galera senza bisogno di prove reali. Non lo sa che è il metodo che abitualmente i procuratori d'assalto in Italia seguono? Quando hanno per le mani qualcuno senza prove reali, ma solo con indizi e deduzioni del piffero, la prima cosa che fanno e cercare scheletri nell'armadio per darli in pasto moralmente alla gente e poter avere via libera alla condanna. Ci faccia caso qualche volta ai giornali e all'azione che i procuratori attuano, non incentri la sua attenzione solo sui presunti colpevoli. Quel festino è ipotetico, inoltre era una casa frequentata da studenti internazionali di diversa provenienza e con diversa mentalità di quella esistente a Perugia o altrove in Italia, ciò non ne fa dei colpevoli solo perchè non hanno la mentalità italiana. Se in quella casa entravano facilmente gente di diversa provenienza è altrettanto facile che ci fossero altri non conosciuti al momento. Invece si è preferito andare sul sicuro, prendere i primi tre polli e assegnare a due di loro la colpa. E questo lei la chiama giustizia solo perchè gli hanno concesso delle attenuanti generiche? Ma quanto sono stati buoni! Certo che di pelo sullo stomaco ne devono avere parecchio, così come lei. In America si stanno accorgendo adesso della giustizia che vige in Italia e che ci sputtana tutti quanti da nazione incivile e con una giustizia da caccia alle streghe, giustamente!

    Report

    Rispondi

  • Shift

    08 Dicembre 2009 - 14:02

    Certo! io mi faccio la tisana e lei si fa una bella bevuta di sangue umano. NON CI SONO PROVE DI UN BEL NIENTE, HANNO TIRATO IN ARIA LA MONETINA! Lei ha troppa fiducia nei giudci e nella giustizia umana eppure c'è un precedente storico di un certo Cristo, che dice di andarci cauti sulla certezza del diritto. Perfino gli americani che i loro colpevoli li friggono sulla sedia elettrica o con iniezione letale hanno da ridire. Non per il fatto che Amanda sia americana, ma perchè da loro quella schifezza attuata in Italia NON SAREBBE NEMMENO ENTRATA IN UN AULA DI TRIBUNALE, semplicemente perchè NON C'E' L'OMBRA DI UNA PROVA REALE MA SOLO CHIACCHIERE DA STRAPAESE DA CACCIA ALLE STREGHE.

    Report

    Rispondi

  • antari

    07 Dicembre 2009 - 17:05

    a pelle vuol dire 'a sensazione'. Vada a farsi una tisana, vedra' che si calma e le fara' bene. Stia pur tranquillo che le cose vanno come ha detto lei, ossia se sono stati condannati significa che le prove ci sono.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    07 Dicembre 2009 - 14:02

    In quella stanza cèrano quattro giovani ragazzi,tutti disinibiti in un modo di vivre attuale. Uno di loro,la Meredit viene sgozzata con dei fendenti alla gola e sembra da quello che emerge dal dire dei giovani rimasti che stavano effettuando un festino erotico. La mia domanda e quella di milioni di persone è la seguente: Se in quella casa non è entrato un fantasma chi dei tre o se non tutti e tre è stato il primo a dare un fendente alla gola della ragazza uccisa ?- Dal dire degli unquirenti vi sono prove che accusano la partecipazione di tutti e tre ed allora,perchè dire che la giustizia ha emesso una condanna ingiusta ? Inoltre, la giustizia,facendo il suo lavoro,ha tenuto conto della giovani età dei ragazzi ed è per questo che in base alle attenuanti si è passato dalla massima pena a quelle attuali. La giustizia ha fatto il suo dovere e non si può sentirsi in pena per coloro che risultano colpevoli dmenticandosi l'assassinio selvaggio della Meredit.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog