Cerca

Catania, adescano ragazzine

per rapporti sessuali virtuali

Catania, adescano ragazzine
Avrebbero adescato ragazzine minorenni, anche di età inferiore ai 14 anni, per avere con loro dei rapporti sessuali virtuali on line su Internet o per mostrarsi loro nudi, mentre praticavano autoerotismo attraverso delle web cam. È l'accusa contestata dalla Polizia postale a cinque uomini, compreso uno straniero, che sono indagati per adescamento di minorenni dalla Procura della Repubblica di Catania che ha disposto delle perquisizioni nelle loro abitazioni e sul luogo di lavoro. Il provvedimento, emesso dal sostituto procuratore etneo Rocco Liguori, è stato eseguito da agenti del compartimento della polizia postale e delle comunicazioni della Sicilia orientale, è stato eseguito a Torino, Varese, Ravenna e Crotone. Le indagini erano state avviate dopo la scoperta in una chat su Internet di adulti che si proponevano a minori di anni 14 in pose erotiche e pornografiche. Ad essere identificati sono stati cinque utenti che, nella convinzione di chattare con minori degli anni 14, si proponevano con la web cam in scene erotiche e pornografiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog