Cerca

Roma, picchiano il domestico

Francesco Totti lo difende

Roma, picchiano il domestico
Il domestico fu aggredito mentre andava al supermercato, e lui il capitano lo ha difeso. E’ successo al romanista Francesco Totti, che qualche giorno fa ha cercato di calmare un giovane 25enne che cercava parcheggio vicino al supermercato in cui la famiglia Totti fa la spesa di solito. Il domestico Mario Perez , 47 anni, gli ha “rubato” il posto, scatenando l'ira del giovane, che sceso dall'auto ha iniziato a prendere a calci la vettura del filippino. "Deve aver pensato che avevo fatto chissà cosa - ha detto Perez  - è uscito, è venuto verso di me, ha urlato e ha cominciato a prendere a calci la macchina. A quel punto gli ho dato una spinta, quando si è rialzato mi ha dato un pugno. Mi usciva il sangue dalla bocca e quello non la finiva, così ho chiamato al telefono il mio datore di lavoro". Totti ha chiamato i carabinieri, è sceso e ne ha dette quattro al giovane iracondo. "Ma che stai a fà? Basta un vaff....e te meni come un fabbro? Ma che te dice la testa?" gli avrebbe detto il numero dieci della Roma, mentre il gruppetto di curiosi intorno alla rissa, alla vista di Totti, è diventata una folla. Il giovane è stato denunciato per lesioni ai danni del domestico di casa Totti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    10 Dicembre 2009 - 11:11

    se fosse stato un'altro straniero che il Ciccio nazionale non conosceva, lo avrebbe difeso? e se non fosse stato che il filippino aveva parcheggiato in seconda fila (ha l'immunità da pupone?) e quindi infranto la legge.......perchè la piccola di casa Totti aveva bisogno dei pannolini...... Ma in che mondo vive Totti? Si crede tanto al di sopra da far fare al suo domestico filippino come cavolo gli pare solo perchè lui è Totti? Lo avessero fatto a lui, magari gli avrebbe rigato la macchina con un cellulare vodafone, o preso a pallonate il conducente. La notorietà televisiva al potere, ma andate a quel paese...... saluti alla famiglia

    Report

    Rispondi

blog