Cerca

Veltri: "Mai autorizzato libro"

Travaglio rischia il Tribunale

Veltri: "Mai autorizzato libro"
Quando uscì per la prima volta, nel 2001, "L'Odore dei soldi" di Elio Veltri e Marco Travaglio ebbe un buon successo. Edito da Editori Riuniti-Aringoli, accusava il Cav. Niente di nuovo. I due autori si chiedevano da dove prendesse i soldi Silvio Berlusconi. E abbozzavano risposte. Non incisive, considerato che nel frattempo il personaggio in questione è diventato presidente del Consiglio per la quarta volta consecutiva e nessuna polemica sembra scalfirlo. All'epoca, tuttavia, Berlusconi denunciò al tribunale civile di Roma i due autori e gli Editori Riuniti per il libro, chiedendo 10 milioni di euro di risarcimento. Travaglio, però, non si è mai dato per per vinto e il volume - rivisitato - è stato riproposto pochi giorni fa a Roma, davanti ad una nutrita platea di giornalisti. A presentarlo, lo stesso Travaglio e Furio Colombo. I lettori a questo punto si saranno resi conto che in tutto questo manca qualcuno: e cioè il coautore del libro, Elio Veltri. Che, in effetti, di questa riedizione aggiornata non sa nulla. E non l'ha presa bene. Lo scrittore s'è arrabbiato e pure tanto. Così ha chiesto il sequestro «in via di urgenza» al tribunale ordinario di Roma «della nuova edizione» del libro. L'iniziativa giudiziaria si è resa necessaria - ha spiegato l'ex deputato dell'Ulivo - in quanto la nuova pubblicazione «non è mai stata autorizzata da Veltri, coautore dell'edizione originaria, il quale, venuto casualmente a conoscenza della nuova pubblicazione del libro, tramite il suo legale il 30 settembre scorso aveva inviato una diffida a non pubblicare alla stessa casa editrice». Ora non è chiaro se la colpa sia da addossarsi completamente a Travaglio o all'editore: certo è che qualcuno ha fatto il furbetto. Veltri ha diffidato e chiesto il sequestro delle copie, ma c'è da scommettere che la questione potrebbe approdare a breve in Tribunale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    10 Dicembre 2009 - 15:03

    Ma costui non è quello che vuole moralizzare l'Italia assieme al Didietro molisano? Ma allora non è proprio la persona proba ed adamantina senza macchia da prendere ad esempio.

    Report

    Rispondi

blog