Cerca

Violentata davanti alla figlia

perché non voleva prostituirsi

Violentata davanti alla figlia
È stata segregata in un albergo, picchiata e violentata davanti alla figlia una donna romena di 22 anni che voleva smettere di prostituirsi. I carabinieri hanno arrestato, con l'accusa di sequestro di persona, un connazionale e una donna italiana, che lavora nell'albergo e che secondo i carabinieri della compagnia di Desenzano, sarebbe complice dell'immigrato. Il gip non ha però convalidato l'arresto di quest’ultima.
La vicenda è iniziata il 10 dicembre scorso e si è protratta per 4 giorni. La vittima è stata costretta a rimanere in un albergo della riviera bresciana del Garda, dove, secondo quanto ha denunciato ai carabinieri è stata più volte violentata e picchiata. L'aguzzino voleva da lei almeno 300 euro al giorno.
Con una scusa la giovane è però riuscita a lasciare l'albergo per qualche ora e a raggiungere i militari, che poco dopo sono entrati nella camera trasformata in una prigione e hanno arrestato il romeno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog