Cerca

Statali in malattia, attenzione

Reperibilità sale a 7 ore

Statali in malattia, attenzione
Dipendenti pubblici in malattia, attenti. Dalla prossima settimana scatteranno nuove fasce orarie di reperibilità per le visite mediche di controllo. Dalle quattro ore attuali, si passera a sette ore. Vanno dalle 9.00 alle 13.00 del mattino e dalle 15.00 alle 18.00 della sera. Un aumento di tre ore rispetto all'attuale reperibilità, compresa tra le 10.00-12.00 e le 17.00-19.00. Lo ha fatto sapere il ministro della Pubblica Amministrazione e l'Innovazione, Renato Brunetta, spiegando di aver firmato proprio oggi la versione definitiva del relativo decreto. «Sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale di lunedì, martedì», ha aggiunto il ministro, motivando la decisione di tornare ad una fascia oraria più lunga per combattere «l'assenteismo opportunistico», che negli ultimi quattro mesi sembra essersi riaffacciato tra i dipendenti pubblici, con l'aumento delle assenze per malattia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uycas

    18 Dicembre 2009 - 19:07

    blues 188 ha ragione, ha detto la verità, addirittura mi hanno raccontato che al sud sulle spiagge ci sono i bagnini sentinella che avvisano se arriva il medico per il controllo fiscale. xò molti dipendenti pubblici hanno diverse possibilità di malattia o di assentarsi dal lavoro, come ad esempio cure di parenti, figli lontani da curare etc. la cui decisione di accettare l'assenza dipende dal funzioanrio o da un comando.

    Report

    Rispondi

  • agosman

    18 Dicembre 2009 - 18:06

    Se al sud i medici fiscali non fanno le visite ai dipendenti pubblici in malattia, anzi si rifiutano, come dice blues188, c'è soltanto una cosa da fare: denunciarli per omissione di atti d'ufficio e licenziarli in tronco. Vogliamo scommettere che si rimettono in riga? La verità è che Brunetta non doveva abbassare la guardia e la reperibiità doveva rimanere quella del decreto iniziale dello scorso anno e non doveva essere abbassata. Doveva capirlo che finiva così e non doveva dare retta ai sindacalisti di categoria. Ora vediamo che succede e vediamo se i sindacalisti dopo aver perso la faccia una volta peroreranno nuovamente questa causa.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    18 Dicembre 2009 - 18:06

    Brunetta mi preoccupa, non è tanto stabile ultimamente. E poi lo sa, almeno, che al Sud i medici si rifiutano di fare le visite fiscali? Non è un sentito dire e neppure è roba letta da qualche parte, ma mi è stato riferito di persona da un'insegnante (sarda) ammalata di semplice influenza. Ma tanto il ministro anche se queste cose le sa, fa finta di aver sconvolto la Pubblica Amministrazione. Solo finta.

    Report

    Rispondi

blog