Cerca

Avvelena i cani della vicina

perché abbaiano, denunciato

Avvelena i cani della vicina
Avrebbe avvelenato e ucciso due cani della propria vicina, perché esasperato dal continuo abbaiare. Per questo motivo, a conclusione di una specifica indagine, i poliziotti della Questura di Sassari hanno denunciato un uomo di 74 anni.
L'uomo, che abita in una zona di campagna alla periferia della città, è stato ritenuto l'autore dell'uccisione di un pastore tedesco e un meticcio, entrambi in età adulta, di proprietà di una vicina di casa, ai quali erano stati somministrati alcuni bocconi avvelenati, con un micidiale anticrittogamico del tipo utilizzato in agricoltura, contenente il principio attivo “methiocarb”.
«La polizia - si legge in una nota della Questura - ha acquisto elementi di responsabilità nei confronti dell'uomo e recuperato tracce dei bocconi avvelenati, utilizzati per l'uccisione degli animali che sono stati sottoposti ad accertamenti chimici e tossicologici presso i laboratori di Sassari dell'Istituto Zooprofilattico e Sperimentale della Sardegna. Dall'esito degli stessi, si è accertato che si trattava del medesimo principio attivo del veleno ingerito dagli animali che ne ha provocato la morte per convulsioni da gastrite ed enterite emorragica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    19 Dicembre 2009 - 11:11

    Le proposte di hernando43 mi sembrano molto giudizievoli e sensate. Molti hanno un cane e lo tengono in uno spazio aperto e, specialmente se sono lupi o pastori tedeschi, questi abbaiano tutta la notte e tutte le notti con voce forte che arriva molto lontano, insistentemente. Neppure io ho mai sentito nessun proprietario zittire gli ululati e il continuo martellante abbaiare, fregandosene dei vicini, tanto da farmi pensare che di bestie ce ne siano anche tra quelli a due zampe. Non condivido invece gli insulti dati da chi ha avuto il proprio animale ucciso (io sono tra questi e il dolore è stato intenso perché eravamo cresciuti insieme) ma ne capisco lo stato d'animo.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    19 Dicembre 2009 - 09:09

    Vorrei tanto sfondarti il culo a pedate. Una volta un figlio di vacca come te ha avvelenato il mio cane che è morto con atroci sofferenze. Che tu possa bruciare all' inferno, maledetto.

    Report

    Rispondi

  • hernando45

    19 Dicembre 2009 - 09:09

    Proprio così, i cani non hanno colpa ma i loro proprietari si, purtroppo essendo impossibile avvelenare i proprietari si avvelenano i cani. Chi scrive negli anni 80 era dirigente nella filiale Italiana di una multinazionale Tedesca, e per il proprio lavoro viaggiava 3 settimane su 4 in tutta la penisola e molti di questi viaggi (quelli fino a Roma o Pescara) li effettuava in automobile, quindi ciò voleva dire per esempio partire da Lissone (dove vivevo allora ) alle 6 di mattina, per poter essere a mezzogiorno a Roma. Però in una "villetta" adiacente al condominio dove abitavo, c'era un pastore Tedesco, (non un prete) che alle 2 di notte iniziava ad abbaiare senza nessun motivo per ore ed ore. Ho chiamato i carabinieri più volte, a parte il fatto che arrivavano 2 ore dopo (perchè poverini, ovviamente avevano qualcosa di più importante da fare) Ho registrato il tutto e lo ho fatto presente ai proprietari, i quali SFACCIATAMENTE e purtroppo ce ne sono molti di soggetti così, mi deridevano, affermando che loro non sentivano niente! Forse andavano a dormire ubriachi penso io, ma io dovevo alzarmi all'alba e guidare per centinaia di Km senza aver riposato e se mi fosse venuto un colpo di sonno mentre guidavo (ad esempio sugli Appennini fra Bologna e Firenze) chi mai avrebbe creduto che era dovuto al non poter dormire per colpa di un cane? Sapete cosa fui costretto a fare? Cambiare casa!!! Può sembrare incredibile ma è così. Quindi anche se non posso scusare il Signore di Sassari, lo CAPISCO!! Troppa gente purtroppo maleducatamente, tiene un cane senza esserne all'altezza, ci vorrebbe un "patentino" quando il cane abbaia inutilmente specie di notte, il padrone DEVE alzarsi e richiamarlo, o fargli capire che non deve farlo, ma questo che stò descrivendo ahimè forse non appartiene alla civiltà e cultura di molti proprietari di animali. Que esteen mejor cada dia L'autoesiliato politico

    Report

    Rispondi

blog