Cerca

Teramo, morto Uzoma Emeka

vide pestaggio in carcere

Teramo, morto Uzoma Emeka
È morto Uzoma Emeka, nigeriano di 32 anni che avrebbe assistito il 22 settembre scorso al pestaggio di un detenuto italiano nel carcere di Castrogno a Teramo.
In quell'occasione un nastro anonimo, che parlava delle violenze, fu inviato al quotidiano locale “La Città”: «Non si massacrano così i detenuti in sezione, si massacrano sotto... il negro (Uzoma Emeka, n.d.r.) ha visto tutto». Queste parole, dette da Giuseppe Luzi, capo delle guardie carcerarie ad un sottoposto, scatenarono le polemiche, e Luzi fu sollevato dall'incarico dal ministro della Giustizia Alfano.
Oggi, a distanza di tre mesi, arriva il decesso di Uzom. Il detenuto è deceduto nell'ospedale civile della città abruzzese. Il nigeriano era in carcere per una condanna a due anni per spaccio di stupefacenti. Mentre parlava con la moglie al telefono alle 8.30 del mattino, Uzoma Emeka si è accasciato. All'ospedale, però, ci è arrivato solo dopo l'una del pomeriggio - ha detto l'avvocato di Emeka, Giulio Lazzaro.
I giudici hanno disposto che l'autopsia sia filmata. Il perito di parte sarà il professor Giulio Sacchetti dell'Università di Roma, medico che seguì la vicenda processuale di Marta Russo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog