Cerca

Idv: "Odio istigato dal premier"

Gasparri: "Pardi come le Br"

Idv: "Odio istigato dal premier"

La campagna di odio in corso nel Belpaese? Inutile cercare per mari e per monti chi ne sia l’artefice. Il promotore è alla luce del sole: e si chiama, udite udite, Silvio Berlusconi. Manco a dirlo, lo strale contro il presidente del Consiglio è stato lanciato dal ‘dipietrista-partito’, che di abbassare i toni proprio non ne vuole sentire parlare. Questa volta a parlare è Francesco Pardi, senatore dell’Italia dei Valori, che durante il suo intervento a ‘Omnibus’ su La7 è tornato a ribadire il ‘Tonino-pensiero’: “Questa storia della campagna di odio è una balla insopportabile”, ha tuonato, “tutte le manifestazioni degli ultimi anni anche quelle spontanee, sono state sempre pacifiche. La campagna di odio semmai ha un autore fondamentale che è il presidente del Consiglio. Berlusconi infatti si è sempre scatenato con insulti contro gli avversari. Non credo poi che ci sia questo estremo bisogno di riforme costituzionali. L'unica legge che andrebbe cambiata - ha dichiarato il senatore dell'Idv - è la legge elettorale. Infatti l'aspirazione del presidente del Consiglio, che era ineleggibile e incompatibile con l'esercizio del potere politico, è avere un rapporto diretto con il popolo. Ma quando si invoca il consenso popolare si dice una menzogna perché - ha concluso Pardi - la nostra non è una Repubblica presidenziale, anche se siamo stati costretti a votare con una legge elettorale infame che appunto andrebbe cambiata”.

Le parole di Pardi sono state giudicate gravissime dal capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri che sempre dai microfoni di La 7 ha commentato: “Levare di torno Berlusconi, questa è la parola d'ordine della violenza della sinistra anche se viene detta durante la pubblicità, come ha fatto Pardi, perché si vergognano”. Pardi, ha quindi attaccato Gasparri, “è una persona pericolosa per la democrazia, è come le Brigate rosse, solo Curcio parlava così. La violenza è alimentata anche da chi, come Pardi, usa un linguaggio terroristico che poi pazzi di turno trasformano in oggetti lanciati. Quindi - ha concluso - gente come Pardi è incompatibile con la democrazia”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roaldr

    23 Dicembre 2009 - 15:03

    Scusate, ma questo Pardi, non sarà il Pancho Pardi del PDS, voce della speranza della base disillusa dal partito? Ed ora, cosa ci fa, Nell'Italia dei Livori?Venuta a mancare la poltroncina da kompagno, si è fatto consigliare da Di Pietro, e ha fatto "il salto della quaglia"?

    Report

    Rispondi

  • metallurgico

    23 Dicembre 2009 - 08:08

    io dico che di fronte alla realta non ci sono parole per commentare le accuse demenziali della sx al premier, e' evidente che si tratta di un attaco a oltranza sino alla fine della legislatura.E' altrettanto vero che sino a quando in italia la magistratura avra' il potere assoluto al di sopra di qualsiasi altro potere dello stato sara' un vincolo per lo sviluppo del paese e la non dipendenza dagli altri paesi.In quanto le leggi in italia sono talmente tante e talmente complicate che sicuramente a chiunque capita prima o poi nella propria vita di essere costretto a non rispettarle oppure di violarle senza neanche accorgersi.quindi e' evidente che qualsiasi persona e' matematicamente e sicuramente perseguibile e la mgistratura lo sa' bene e se vuole puo' liberamente distruggere la dignita' e la vita di chiunque senza essere mai perseguita.Da qui' il circolo vizioso in quanto i partiti che con il parlamento potrebbero dare un freno a questo strapotere abnorme in realta' lo alimentano e lo nutrono sistematicamente con abbondanza di privilegi perche' sperano che quando saranno all'opposizione in un aiuto della magistratura o nella azione di qualche magistrato di turno per far cadere il governo in carica addirittura alcuni partiti hanno nella magistratura il loro braccio armato legalizzato(la famosa gioiosa macchina da guerra)e lo usano come unico potente strumento di potere per riuscire ad andare al governo del paese.comunque e' certo che tutti i partiti di dx e di sx ponendo le loro speranze di andare al potere con l'aiuto dei magistrati di fatto ne subiscono regolarmente a turno le devastanti conseguenze. con una infinita scia di effetti collaterali. E la storia recente lo dimostra cosi' facendo tutti i partiti si indeboliscono costantamente i magistrati si rafforzano sempre di piu' e il paese rimane in apnea senza uno sviluppo economico e produttivo e sempre piu' dipendente dagli altri paesi che viceversa corrono e crescono molto piu' di noi e ci stanno colonizzando.

    Report

    Rispondi

  • delfo20

    23 Dicembre 2009 - 08:08

    Chi sei? da dove vieni? che fai? Che diventerai, Sono tutte domande che si dovrebbero porre a tutte le persone, tranne che ha un cretino (politicamente parlando) come Pardi ovverosia il lecca fondo schiena degli odiatori at personam. "PUFFONE"

    Report

    Rispondi

  • tronci.al

    23 Dicembre 2009 - 08:08

    Ciò che ha ribadito il Sen. Gasparri nei confronti di Pardi è verissimo. Non è forse vero che "Pancho" proviene da quell'area sinistra talmente vicina ai violenti da essere connivente? Quello squallido individuo dovrebbe avere almeno il pudore, se non di tacere, almeno di mettere in collegamento il cervello con la lingua prima di aprire la fogna e ammorbare l'aria.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog