Cerca

Maroni: "No legge per il web

ma una regolamentazione"

Maroni: "No legge per il web
Niente disegno di legge per prevenire la commissione di resti gravi su Internet, ma ci sarà invece un codice di autoregolamentazione tra tutti i soggetti coinvolti. E’ la decisione di Roberto Maroni, dopo l’incontro al Viminale con i gestori delle reti Internet e i rappresentanti dei social network. Il governo sembra dunque intenzionato a rivedere la decisione di intervenire per legge su una materia che, come ha detto lo stesso Maroni, è molto delicata perché va a incidere sulla libertà di espressione dei cittadini. La strada da seguire è quella di cercare un accordo tra tutti, definendo un codice di autoregolamentazione che coinvolga tutti i soggetti interessati, evitando interventi d'autorità ma ottenendo ugualmente il risultato. Un codice che dovrà essre approvato in tempi rapidi per, come dice Maroni, “combattere il proliferare di gruppi che inneggiano all'omicidio, al terrorismo e alla mafia”. “Ci siamo impegnati ad elaborare delle proposte - spiega il ministro - e a costituire un tavolo con tutti i soggetti che sono intervenuti, che sarà riconvocato a metà gennaio, per discutere le nostre proposte e valutare la possibilità di trovare una soluzione e cioè un codice di autoregolamentazione piuttosto che una norma di legge”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    23 Dicembre 2009 - 09:09

    Appena un ministro promette di fare ordine, ecco che le prefiche di turno e sempre quelle di sinistra si strappano le vesti e si lacerano il cuoio capelluto temendo gravi danni alla democrazia nata dalla resistenza sui monti. E regolarmente il ministro non di sinistra fa retromarcia. Ora per i siti internet che scrivono che Berlusconi deve essere ucciso, non importa come,ci sarà solamente una"regolamentazione". In Italia i delinquenti se ne impipano delle leggi, figuriamoci della regolamentazione. E cosa dire dell'albero di Natale con gli auguri di morte attaccati là con biglietti augurali? Nessun giudice interviene? Quell'albero pare sia stato messo da Di Pietro, lui che ha carta bianca con il consenso della magistratura. Se questo è possibile, io avrei messo un altro albero all'altra uscita della stazione Termini con biglietti augurali per la morte Di Di Pietro. "ciapass un cancher".Questo il mio augurio.

    Report

    Rispondi

blog