Cerca

Natale, i Nas sequestrano

biscotti all'olio paraffino

Natale, i Nas sequestrano

Tra i tanti dolciumi sequestrati in Italia in concomitanza con le festività natalizie, ci sono anche i biscotti cotti con un olio minerale paraffino-naftenico, un derivato del petrolio utilizzato per plastificare le confezioni. Savoiardi, krumiri e amaretti, già pronti per il commercio sono stati sequestrati dai carabinieri dei Nas, il nucleo antisofisticazione, nell'ambito dei controlli avviati a livello nazionale su tutta la filiera dei prodotti alimentari. Le irregolarità più gravi sono state riscontrate dagli investigatori nella sede torinese del Biscottificio Piemontese, dove i carabinieri hanno scoperto che il materiale per oliare le teglie e per dorare i biscotti cotti nel forno non era di origine alimentare. Per questo sono stati sequestrati 600 litri di olio paraffino-naftemico e 200mila confezioni di dolci.

Oltre al biscottificio piemontese, sono stati posti sotto sequestro altri dodici esercizi tra Milano, Monza e Brianza, Brescia, Caserta, Potenza e Treviso. I risultati sono dei più disgustosi: scarafaggi in mezzo ai marron-glacè ancora da confezionare, prodotti scaduti da anni e rietichettati. Più di 200 persone sono state denunciate per frode in commercio. Nel caso del biscottificio piemontese i carabinieri stanno accertando se l'olio derivato dal petrolio che veniva utilizzato per la cottura dei biscotti sia pericoloso per la salute.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gbbonzanini

    23 Dicembre 2009 - 17:05

    per la verità non era olio paraffinato, ma olio di vaselina il cui consumo si era arrestato dopo il caso "Marrazzo"

    Report

    Rispondi

blog