Cerca

La Guzzanti offese il Papa

Il pm chiede il processo

La Guzzanti offese il Papa
Se l'era presa con la Carfagna, quel giorno, ma pure col Papa. Sabina Guzzanti ora potrebbe pagarla: la procura di Roma, infatti, chiederà al ministro della giustizia di procedere contro di lei, indagata per vilipendio nei confronti del Papa, per quel che disse l'8 luglio scorso durante la manifestazione «No Cav Day» in piazza Navona. Il pm Angelantonio Racanelli ha invece chiesto al gip di archiviare la posizione di Beppe Grillo che, sempre nella stessa manifestazione, aveva sarcasticamente criticato il comportamento del presidente della Repubblica in relazione alla firma del cosiddetto Lodo Alfano. Per quanto riguarda Grillo la procura ha ritenuto che esisteva il diritto di satira. Al vaglio del procuratore Giovanni Ferrara e del pm c'erano i filmati degli interventi, tra gli altri, di Sabina Guzzanti e Beppe Grillo, fatti durante la manifestazione. Sarà poi il ministro della Giustizia adesso a dover autorizzare, secondo quanto previsto dall'articolo 290 del codice di procedura penale, lo svolgimento delle indagini nei confronti di Sabina Guzzanti.
Nessuna denuncia, o querela di parte, è invece giunta in procura  dal ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna. Nel caso del ministro per procedere l'autorità giudiziaria deve essere sollecitata da una querela.
Non è d'accordo con i suoi ex colleghi Antonio Di Pietro, per il quale la Gauzzanti avrebbe solo fatto cabaret.  «L'onore ed il prestigio del Pontefice - al quale va il mio massimo rispetto - a mio avviso, non sono calpestati dalla satira della Guzzanti che, proprio in quanto satira, va presa per quel che è», ha detto infatti Tonino.  «L'offesa - ha proseguito - arriva tutti i giorni da coloro che predicano bene e razzolano male, che corrompono i testi ai processi e poi vanno a baciare la mano al Pontefice, che rubano e non vogliono farsi giudicare, che vanno a messa la domenica e ai bordelli il lunedì, che danno Gesù Cristo sull'altare e si prendono i bambini in sacrestia. Guzzanti è invece solo una donna libera, che ha liberamente espresso il suo pensiero. Si può condividere o non condividere, e neanche io l'ho condiviso quel giorno, ma solo ai tempi dell'olio di ricino chi la pensava diversamente finiva in galera. Ma si sa - conclude Di Pietro - essere una donna libera ai giorni nostri è un reato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    15 Settembre 2008 - 19:07

    resta pure in Italia, vedrai che prima poii anche qui le cose cambieranno e tornerà il rispetto per tutte le opinioni. Non ci saranno più garantisti a giorni alterni (la Guzzanti è già colpevole e condannata ed i PM che si occupano di lei sono giusti ed impeccabili, per quelli del PDL invece vige il principio di innocenza e i PM sono tutti persecutori comunisti. Vedrai rornerà la ragione ed allora con obiettività si tornerà a valutare i fatti e le dichiarazioni e a considerarli reati quando lo sono o espressione del diritto di critica o di satira e ciò a prescindere dall'appartenenza dell'autore. Ci vorrà del tempo, ma succederà. Io lo spero. Luigi.

    Report

    Rispondi

  • vidya

    12 Settembre 2008 - 14:02

    Valeria è un nome che mi è molto caro, quindi ti parlo con affetto, come può fare un nonno con la sua nipotina. Ho letto solo ora quello che scrivi su Berlusconi. Idee ovviamente legittime e sacrosante, anche se da me non condivise, ma questo non ha alcuna importanza. Quello che mi preoccupa è che tu definisci mentecatti coloro che credono in lui, che sono grosso modo il 67% degli italiani. Non credi ai sondaggi? Facciamo il 60? Sono sempre tanti. Non ti senti un pò soffocare in un ambiente simile, così maleodorante? Vorei darti un consiglio: cercati un buon lavoro all'estero e vacci il più presto possibile. Potrai finalmente respirare una boccata d'aria buona, e nota che non ho nemmeno nominato i ricchi e i mafiosi. Auguri e se vuoi dammi notizie

    Report

    Rispondi

  • ziogianni

    11 Settembre 2008 - 17:05

    ***E va bene! Carissima Valeria. Ricordati comunque che ricredersi è sempre un'azione da grandi. Chiudersi in un sentimento come l'odio non lo è. Un caro saluto, zio Gianni.*

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    11 Settembre 2008 - 15:03

    carissimo tutti i nomi citati da te messi insieme non raggiungono tutte le corbellerie, le falsita' e le infamita che ha fatto e detto l'illustre belusconi,...cavaliere e divensore dei ricchi , dei mafiosi e dei mentecatti che gli credono

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog