Cerca

Grecia, trovata una bambina

Assomiglia alla piccola Denise

Grecia, trovata una bambina
Torna ad esserci un po’ di speranza sulle sorti della piccola Denise Pipitone, la bambina di otto anni scomparsa quattro anni fa da Mazara del Vallo, in Sicilia, mentre giocava nel suo giardino in pieno giorno. Da allora nessuna notizia certa, ma solo un susseguirsi di segnalazioni rivelatasi infondate. Oggi però la polizia greca ha trovato, sull’isola di Kos, una bambina di otto anni che parla perfettamente l’italiano e immediatamente ha inviato in Italia un campione del dna, per accertarsi che possa essere proprio lei, la piccola Denise. Per ora si sa di certo che non c’è alcun legame di parentela con la donna che era al suo fianco, una trentenne già arrestata dall’Interpol, che non conosce una parola della nostra lingua. A portare gli agenti dalla bambina è stato un turista italiano che aveva acquistato da lei un braccialetto ed era rimasto colpito dal perfetto italiano della piccola.
Piera Maggio, la madre di Denise, cerca di non far trasparire alcuna emozione per il momento: “Il taglio degli occhi è uguale a quello di Denise, ma voglio stare con i piedi per terra, non è la prima volta che mi giungono segnalazioni simili”, commenta la madre che nelle scorse settimane aveva cominciato anche uno sciopero della fame, durato nemmeno 48 ore, per riportare all’attenzione delle autorità la storia della figlia. La donna stessa ha chiesto la prova del dna per non avere alcun dubbio: “Ogniqualvolta mi hanno mostrato foto di bambine molto somiglianti a mia figlia ho richiesto l'esame del Dna, quando invece al primo sguardo capivo che non poteva essere lei ho sempre evitato il ricorso all'esame medico”. “Sono trascorsi quattro anni mia figlia ovviamente è cambiata. Aspetto l'esito degli esami, sono tranquilla e serena”, ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • moicano

    11 Settembre 2008 - 18:06

    Speriamo sia la volta buona e madre e figlia possano ricongiungersi.

    Report

    Rispondi

blog