Cerca

Pap test in ritardo, muore

I parenti chiedono un milione di danni

Pap test in ritardo, muore
I familiari di una donna trentina di 50 anni morta per un tumore hanno chiesto un risarcimento danni di un milione di euro alle strutture sanitarie del Trentino per aver agito - questa è l'accusa alla base della causa civile - con leggerezza.

Paola Cagol era morta nel 2008 dopo essersi sottoposta l'anno precedente ad un pap test presso l'ospedale San Camillo. Non ricevendo alcuna comunicazione la donna aveva ipotizzato un risultatao negativo.

Sei mesi dopo la scoperta casuale, nel ritirare il referto, di esser colpita da carcinoma. Il referto -secondo l'accusa - non sarebbe stato inviato a causa del mancato pagamento del francobollo per la sua spedizione. La donna si sottopose quindi a tre cicli di chemioterapia che sembravano avere avuto effetti positivi.

Poi nel maggio 2008 le sue condizioni cliniche peggiorarono, senza che però vi fosse stato - accusano i famigliari - un intervento diretto delle strutture sanitarie sino al suo ricovero e alla successiva morte.

Ora la richiesta di risarcimento danni basata su presunte negligenze del San Camillo ed anche su presunti errori dei medici del reparto di Oncologia del S.Chiara.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vaifro2002

    07 Gennaio 2010 - 10:10

    Nel dispiacere di una morte che poteva magari essere evitata o quantomeno aver avuto la possibilità di fare un tentativo per essere evitata , vorrei dire che a mia conoscenza la responsabilità del ritiro di esiti di esami clinici sono da ritirare a carico del paziente salvo specifica richiesta . Va bene la malasanità ma non si esageri ....

    Report

    Rispondi

blog