Cerca

Rosarno, 300 trasferiti. E' caccia all'immigrato

Bilancio di 66 feriti. Facebook annuncia lo sciopero degli stranieri. Tensione anche a Roma

Rosarno, 300  trasferiti. E' caccia all'immigrato
In Calabria torna il caos, dopo il trasferimento di trecento immigrati dall’ex fabbrica di Rognetta al centro di prima accoglienza di Isola Capo Rizzuto. È notizia di questa mattina, il ferimento di un altro immigrato, ferito con colpi di fucile caricato a pallini nelle campagne di Gioia Tauro, a pochi chilometri da Rosarno. Un altro è stato ricoverato in ospedale con codice rosso.

Ieri sera tra gli applausi dei cittadini calabresi, gli extracomunitari sono saliti sugli autobus diretti nel crotonese. Sia gli immigrati che i cittadini di Rosarno hanno trascorso una notte tranquilla senza altri incidenti fino a questa mattina.


Oggi polizia e carabinieri eseguiranno la stessa operazione anche nel secondo centro, una fabbrica dismessa gestita dall'ex Opera Sila, in cui si trovano ancora circa 500 immigrati, perlopiù con regolare permesso. Un gruppo ha chiesto di andarsene autonomamente raggiungendo la stazione ferroviaria e alcuni lo hanno fatto singolarmente accompagnati dalle forze dell'ordine. Si vogliono, infatti, evitare iniziative spontanee ed eventuali reazioni conseguenti da parte degli abitanti.

Visti i risultati ottenuti, è stata tolta nella notte l'occupazione che una decina di abitanti di Rosarno stavano attuando nel Comune per chiedere l'allontanamento degli immigrati. Verrà mantenuto invece il blocco stradale istituito lungo la strada che conduce alla vecchia fabbrica, fino a quando non sarà completato lo sgombero della struttura. Lo sbarramento era stato posto per impedire che gli immigrati facessero nuove incursioni in paese.

66 feriti - Sale il bilancio dei feriti della guerriglia urbana di Rosarno. Complessivamente, secondo fonti investigative, sarebbero finora 66, tra immigrati, cittadini e forze di polizia, le persone medicate o ricoverate negli ospedali di Gioia Tauro e Polistena. Si tratta, in particolare, di 30 extracomunitari, 17 abitanti del posto e 19 appartenenti alle forze di polizia. Solo cinque immigrati risultano tuttora ricoverati in ospedali per lesioni più gravi. Per quanto riguarda i 30 immigrati, 23 hanno riportato solo lievi lesioni e contusioni e sono stati dimessi; altri quattro hanno ferite da colpi di arma da fuoco (si tratterebbe dei due della prima notte e dei due gambizzati ieri) ed altri tre (compresi i due sprangati) sono ricoverati con traumi più seri. Non preoccupano, poi, le condizioni dei 17 cittadini del posto e dei 19 agenti e carabinieri feriti tutti in modo lieve o contusi.

Anche a Roma: tensione - Momenti di tensione tra polizia e manifestanti dei centri sociali di Roma e immigrati si sono verificati nel pomeriggio nella capitale ad un sit in organizzato per protestare contro i fatti di Rosarno. Dopo avere forzato un cordone delle forze dell'ordine che presidiavano piazza dell'Esquilino i manifestanti hanno tentato di dirigersi verso il Viminale. A quel punto la polizia ha cercato di respingerli, i manifestanti però non hanno desistito. Ora a sbarrare la strada verso il Ministero dell'Interno ci sono alcuni blindati: poliziotti e carabinieri in assetto antisommossa. Poco dopo i manifestanti hanno tentato di forzare nuovamente il cordone delle forze dell'ordine per arrivare al Viminale ma la polizia li ha caricati. Alcuni manifestanti hanno iniziato a tirare oggetti contro agenti e carabinieri, altri sono fuggiti. Un poliziotto è rimasto ferito, colpito da un sanpietrino, nel corso dei tafferugli avvenuti dopo la manifestazione dei centri sociali in piazza dell'Esquilino a Roma. Il fatto è avvenuto in via Urbana all'altezza di via de Pretis. A riferirlo sono fonti del 118. Le condizioni del poliziotto non sono comunque gravi.

Facebook: annunciato lo sciopero degli stranieri il 1 marzo- Primo marzo 2010, sciopero degli stranieri. L'invito alla mobilitazione corre sul web e collega la protesta pro-immigrati attraverso un gruppo su Facebook che conta oltre undicimila membri. «Questo gruppo -si legge nella 'ragione socialè- si propone di organizzare una grande manifestazione di protesta per far capire all'opinione pubblica italiana quanto sia determinante l'apporto dei migranti alla tenuta e al funzionamento della nostra società. Questo gruppo nasce meticcio ed è orgoglioso di riunire al proprio interno italiani, stranieri, seconde generazioni, e chiunque condivida il rifiuto del razzismo e delle discriminazioni verso i più deboli. Siamo collegati e ci ispiriamo a La journèe sans immigrès : 24h sans nous, il movimento che da qualche mese, in Francia, sta camminando verso lo sciopero degli immigrati per il 1 marzo 2010».


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkman

    10 Gennaio 2010 - 21:09

    Che dice delle cose sensate che non mi sarei mai aspettato di sentire da un "sudista".Ha perfettamente ragione,i meridionali devono finirla di piangersi addosso e di addossare ogni loro magagna allo stato e continuare a chiedere finanziamenti a vuoto.Sarebbe ore che anche loro si svegliassero ed insorgessero contro le varie mafie che li attanagliano,non permettendo nè sviluppo nè forme di industrializzazione e quindi di lavoro locale.Oggi possono prendere l'esempio dai negr di Rosarnoi,da quei negri derelitti,sfruttati ed affamati che però hanno dimostrato di avere una dignità superiore alla loro.Concludo anche affermando che dare la colpa di tutto questo casino immigratorio a Maroni o all'attuale governo, è da imbecilli ed irresponsabili,dopo che le varie sinistre hanno sempre fatto un violento ostruzionismo a tutte le proposte per bloccare questo flusso di disperati dalle coste africane.

    Report

    Rispondi

  • rugantino

    10 Gennaio 2010 - 21:09

    quando il Ministro Maroni parla di troppa tolleranza, ha ragione! Immediati provvedimenti vanno presi anche verso quegli apparati dello stato che da anni non 'vedono' nulla se non quello che vogliono, le responsabilità dei lautamente pagati prefetti-questori-ufficiali delle FF.OO., magistrato abietto-coscenzioso di turno compreso - tutta gente che viene iper-mantenuta e strapagata dallo stato per far rispetare le Leggi- non per disattenderle. Vengano rimossi e licenziati ad uno ad uno! Come verranno espulsi ad uno ad uno i clandestini. Con buona pace del sarcastico bersani, quando ci ricorda che sarebbe vigente quella legge bossi-fini tanto osteggiata quanto inapplicata.

    Report

    Rispondi

  • giampeo44

    10 Gennaio 2010 - 18:06

    Trovo senz'altro giusto espellere i clandestini presenti a Rosarno ed in Italia in generale però vorrei anche sapere: il Prefetto, il Questore e gli altri responsabili dell'ordine pubblico dove hanno guardato finora? Non è possibile che un gruppo così consistente di clandestini viva in quelle condizioni di degrado e di sfruttamento senza che nessuno abbia mai mosso un dito.

    Report

    Rispondi

  • giampeo44

    10 Gennaio 2010 - 18:06

    Trovo senz'altro giusto espellere i clandestini presenti a Rosarno ed in Italia in generale però vorrei anche sapere: il Prefetto, il Questore e gli altri responsabili dell'ordine pubblico dove hanno guardato finora? Non è possibile che un gruppo così consistente di clandestini viva in quelle condizioni di degrado e di sfruttamento senza che nessuno abbia mai mosso un dito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog