Cerca

L'Egitto: "Italia razzista"

Bossi: "Ma voi i cristiani li fate fuori tutti" La questione Rosarno scivola verso lo scontro di religioni

L'Egitto: "Italia razzista"
L'Egitto ce l'ha con l'Italia per come ha trattato i musulmani. Lo Stato africano, in prima linea per la violazione dei diritti umani,  dà agli italiani dei razzisti e avversari dell'Islam. Ora la vicenda Rosarno potrebbe assumere contorni religiosi poco gradevoli. Il ministero degli esteri egiziano ha infatti annunciato una formale protesta per i fatti di Rosarno.  Ha parlato di "campagna di aggressione e violenze subita da arabi immigrati e minoranze arabe e musulmane in Italia" e ha annunciato che chiederà al governo italiano di prendere le misure necessarie per la protezione delle minoranze e degli immigrati".
Libero-news.itLibero-news.it

Il Cairo si appella  alla comunità internazionale affinchè intervenga sulla questione della «discriminazione religiosa, razziale e l'odio contro gli stranieri per evitare che questo tipo di incidenti si ripetano in futuro»

Che proprio l'Egitto parli di immigrati maltrattati ha del paradossale: che cosa fa, lo Stato africano, per impedire che la propria gente salpi dalle sue coste per venire in Italia a cercare lavoro? Come tutela, l'Egitto, i suoi concittadini? Come tratta i disperati che evidentemente preferiscono, sempre e comunque, venire a rischiare la vita da noi, pur di non rimanere nel continente nero?

Alle dichiarazioni del ministro egiziano ribatte Bossi: "Guardate - dice  il leader della Lega conversando con i cronisti in Transatlantico - come trattano i cristiani. Li fanno fuori tutti». «Tranquilli - conclude - non sono quelli i problemi».

Le organizzazioni internazionali per i diritti umani, si legge ancora nel comunicato del Cairo, hanno registrato negli ultimi tempi una crescita di questi episodi, in particolar modo di quelli «razzisti», e la condizione di disagio degli immigrati in Italia a causa delle "condizioni di detenzione, della violazione dei loro diritti economici e sociali e della pratica delle espulsioni coatte" Il Cairo si appella quindi alla comunità internazionale affinchè intervenga sulla questione della "discriminazione religiosa, razziale e l'odio contro gli stranieri per evitare che questo tipo di incidenti si ripetano in futuro".

Dimentica di dire, l'Egitto, che cosa le stesse organizzazioni dicano di lui: nell'ultimo rapporto di Amnesty International, ad esempio, si parla di "Tortura e altri maltrattamenti come fenomeni sistematici nelle stazioni di polizia, nelle carceri e nei centri di detenzione dell'SSI", giusto per fare un esempio. E sui migranti: "Le forze di sicurezza sono ricorse a un uso eccessivo della forza contro i migranti, tra cui possibili rifugiati e richiedenti asilo, la maggior parte dei quali provenienti dal Sudan ed Eritrea, nel tentativo di attraversare il confine dall'Egitto per raggiungere Israele; 28 persone sono state uccise a colpi d'arma da fuoco e decine sono rimaste ferite. Centinaia di migranti sono stati processati davanti a un tribunale militare per «tentata fuoriuscita illegale dal confine egiziano orientale»; a nessuno di loro è stato concesso di accedere a rappresentanti dell'UNHCR in Egitto per chiedere asilo. Molti migranti, comprese persone provenienti dall'Eritrea e dal Sudan, sono stati rimpatriati forzatamente in Paesi dove erano esposti al rischio di subire gravi violazioni dei diritti umani".

Questa mattina il ministro degli Esteri Frattini, aveva detto: "Va colpito il lavoro nero, senza nessuna tolleranza, perché è una vergogna che produce inciviltà ed è un aiuto diretto all'immigrazione clandestina".
Libero-news.itLibero-news.it

Amnesty sull'Egitto denuncia un uso eccessivo della forza contro i migranti, tra cui possibili rifugiati e richiedenti asilo, la maggior parte dei quali provenienti dal Sudan ed Eritrea


E, ancora, "Quello che è successo a Rosarno - ha detto il titolare della Farnesina - è la violazione palese dei principi di una direttiva europea che io proposi e che il Parlamento europeo approvò. Diceva sanzioni dure contro gli imprenditori che assumono lavoratori in nero e li sfruttano". Insomma, è la considerazione di Frattini, «dopo i fatti di Rosarno si deve voltare pagina: il profitto non può portare alla mortificazione della dignità di migliaia di esseri umani. Lo ripeto, chi assume in nero deve essere punito. Prima di tutto nel portafoglio".

Nonostante il trambusto degli ultimi giorni, non si è fermata a Rosarno la lotta alla ‘ndrangheta. Questa mattina diciassette ordinanze di custodia cautelare contro presunti affiliati alla cosca Bellocco sono stati eseguiti dalla squadra mobile di Reggio Calabria.
L'operazione, che non ha alcuna relazione congli episodi dei giorni scorsi, è stata condotta in collaborazione con la squadra mobile di Bologna ed è il seguito di un'indagine della polizia che nel luglio scorso aveva portato all'esecuzione di alcuni fermi nei confronti di affiliati all''ndrangheta attivi a Bologna e in altri centri dell'Emilia Romagna.
Oltre agli arresti per il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso, è stato eseguito un sequestro di beni per alcune centinaia di migliaia di euro.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blueeyesplotter

    13 Gennaio 2010 - 09:09

    Brava RosannaDaniela! Condivido in pieno quello che hai scritto!

    Report

    Rispondi

  • cazzzzz

    12 Gennaio 2010 - 20:08

    ma come ti permetti? sempre e solo berlusconi eh??? dov era il tuo governicchio dimariouoli con licenza che hanno governato la calafrica?? la mafia esiste da 100 anni, picolo demente. ed otra tu accusi berlusconi ed il suo governo. Non hai altro dafare se non insultare' ? Lavati l eskimo...che oramai puza di vecchiume come la salma di lenin...

    Report

    Rispondi

  • cazzzzz

    12 Gennaio 2010 - 20:08

    3 anni fa circa mi gtrovavo in egitto( mai piu ci andro'...) in vacanza conla moglie e 2 figlie di 4 anni(49 in hotel i camerieri ed iservineti vari, tutti Egiziani, a fare a gara a chi guardasse con occhi maliziosi le mie figlie. Bastardi,, ipocriti, maledetti ma come si permettono ? Italiani razzisti..ma dove ma quando... Accettero di essere chiamato razzista se loro (gli egizi) accetteranno di essere chiamati: Sporchi, pedofili, eiaculatori precoci, irrispettosi verso altre religioni, pudici, razzisti, maomettani della domenica e.. migfermo qui...perch non vorrei beccarmi una querela da maometto.

    Report

    Rispondi

  • RosannaDaniela

    12 Gennaio 2010 - 20:08

    L'egitto protesta per come l'Italia tratta gli immigrati? Notizia semplicemente da ignorare, ben sapendo "da che pulpito viene la predica". Quello che mi dispiace è che, anche nel caso dei Cristiani uccisi in Egitto o della Chiesa bruciata in Malaysia non ci sia stata nessuna protesta vigorosa nè da parte dei governi occidentali, nè da parte delle tante associazioni di difesa dei diritti umani nè da parte dei sinistrorsi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog