Cerca

Tarzo, sindaco leghista promuove l'alcool:

"Cittadini bevete il vino, che fa bene"

Tarzo, sindaco leghista promuove l'alcool:
Stragi del sabato sera? A Tarzo nel trevigiano non fanno “un baffo”. Il sindaco leghista Gianangelo Bof ha pensato di dare una mano. A modo suo. A giorni compariranno sui muri della cittadina, nei bar, nella bacheca del municipio e perfino sul sito internet del Comune appelli di questo tipo: ”Cittadini di Tarzo, bevete due bicchieri di vino al giorno, che non fa male”. Una proposta insolita, che potrebbe essere interpretata, specialmente dai giovani, in modo distorto: se vanno bene due bicchieri, ne andranno bene anche di più. Bof, il cui appello non mancherà di far discutere, non è nuovo a iniziative stravaganti, come quella di rimuovere, per protesta, la bandiera dell’Unione Europea dal Municipio. ”Mi sono documentato sulle proprietà del vino consultando pareri di medici, professori universitari, studi scientifici – spiega Bof -. E in quanto responsabile della salute pubblica invito dunque i miei concittadini a bere: con moderazione, ben s’intende. Uno o due bicchieri di vino al giorno, preferibilmente ai pasti, come dicono da anni i medici. Un’abitudine che non fa male, anzi, può aiutare a digerire cibi grassi e a prevenire alcune malattie. Nei prossimi giorni verranno affissi nei bar del mio paese e in municipio manifesti in cui viene spiegata la mia iniziativa. Proposta che verrà divulgata anche attraverso il nostro sito internet del Comune. L’80 per cento delle persone con le quali parlo la pensa come me. Ma nessuno ha il coraggio di dirlo”. Ma Bof si spinge oltre e se la prende con chi fa l’accostamento ”veneti-ubriaconi”. ”Certo, ci può essere chi eccede, come con il cibo, ma mi sono stufato di sentir dire che noi veneti alziamo spesso il gomito –ribadisce il primo cittadino di Tarzo -. Anzi, il mio appello al bere consapevole rivolto ai cittadini mette nelle condizioni di interrogarsi sul problema della dipendenza da alcol. Si mette sempre sotto accusa chi guida in stato di ebbrezza e chi lo fa va certamente punito; ma ci siamo mai chiesti quanti sono coloro che guidano imbottiti di psicofarmaci, che ormai vengono prescritti per una minima sciocchezza?”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    20 Gennaio 2010 - 22:10

    Sport nazionale l'esagerare un qualsiasi oggetto di discussione. Due coppe al dì di vino rosso, funge da vaso-dilatatore.Da non trascurare poi,i benefici polifenoli, come anti radicali liberi. E..., brindate allora!!!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    19 Gennaio 2010 - 13:01

    'Una proposta insolita' dice l'articolista del quale non si conosce il nome. Più avanti, nell'articolo, ammette che un bicchiere di vino buono, specie dopo una certa età, fa molto bene dilatando le arterie che tendono e chiudersi. Mi pare si giochi qui contro l'essere leghista del sindaco non contro una proposta tutto sommato piena di buon senso, perché da sempre l'Uomo beve vino. Se lo fa moderatamente è un toccasana che in quanto tale anche i medici consigliano, (sempreché i medici non siano leghisti, s'intende). Il mio medico di famiglia (del quale non conosco l'orientamento politico) ha imposto a mia moglie un bicchiere a pasto e lei lo fa regolarmente. Certo, viene da dire, il buon senso non è patrimonio di tutti, men che meno di quelli che sorridono se certi argomenti sono espressi dalla parte avversa. Ma ricordo che lo stesso Gesù ha iniziato il suo ministero tramutando l'acqua in ottimo vino per finire poi, tre anni dopo,nella sua ultima Cena tramutando il Vino nel Suo Sangue

    Report

    Rispondi

  • dariorubes

    18 Gennaio 2010 - 18:06

    Casini deve aver preso buona nota. Visto le sue alleanze politiche un po'.....barcollanti.

    Report

    Rispondi

blog