Cerca

Gas tossici per sterilizzare attrezzi chirurgici

Tredici arresti a Pescara, Frosinone, Bergamo e Brescia

Gas tossici per sterilizzare attrezzi chirurgici
Sterilizzavano bisturi e attrezzi chirurgici con dei gas nocivi. I carabinieri dei Nas hanno bloccato 13 persone a Pescara, Frosinone, Bergamo e Brescia per illecito utilizzo di gas tossici nella sterilizzazione di attrezzature chirurgiche ed alimenti. Dirigenti, tecnici e dipendenti della ditta lombarda “Bioster spa”  gestivano le operazioni di sterilizzazione dei “ferri” per, alcuni ospedali e case di cura del Centro Italia, omettendo sistematicamente di attuare il procedimento di abbattimento finale dei residui del gas tossico utilizzato, in termini tecnici l’ossido di etilene.

Era nello stabilimento Bioster di Popoli, in provincia di Pescara che avveniva “il 99% dell’attività illegale”, che consisteva nella non perfetta e regolare sterilizzazione di ferri chirurgici, in quanto si ometteva la fase di degassazione, e nella sterilizzazione di partite di alimenti di frutta secca, quale pinoli e funghi, con ossido di etilene ritenuto cancerogeno. A capo dell’organizzazione vi erano due bergamaschi, Sara e Gianluca Bonomi, di 43 e 41 anni, figli dell’amministratore unico e legale rappresentate della Bioster, non coinvolto però nella vicenda. Erano loro, secondo i Nas, che impartivano ai dipendenti i vari compiti, tra cui quello di falsificare i documenti in modo da mascherare le inadempienze.

Nella lista degli arrestati c’erano anche quattro pescaresi. Domenico Bucci, Francesco Anastasi, Ketti e Antonio Luccitti. Sono 42 sono in totale gli indagati a piede libero, 36 dei quali già identificati. Tra i denunciati anche due ditte alimentari, con sede nella provincia di Roma. I titolari erano a conoscenza dei procedimenti illegali che venivano effettuati nello stabilimento di Popoli.

Diverse le strutture sanitarie che sarebbero state oggetto di truffa da parte del gruppo. Tra queste l’ospedale Sant’Eugenio di Roma, l’Alesini di Roma, il San Camillo Forlanini, gli Istituti Regina Elena di Roma, l’ospedale Grossi di Ostia e il Mazzini di Ascoli. Le indagini erano partite due anni fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cesare.38

    20 Gennaio 2010 - 00:12

    E continuano ad arrivare notizie del genere, in questa nostra Italia in cui non c'è più nulla da scandalizzarci. Il guaio, al solito, è per i poveri malcapitati, in questo caso sotto i ferri chirurgici! E' indegno di un Paese civile, in cui gli interessi, la superficialità e l'incoscienza la fanno da padroni!

    Report

    Rispondi

blog