Cerca

Montecatini, va in Comune e uccide la funzionaria

L'aveva licenziato sei anni fa. Poi il killer si toglie la vita

Montecatini, va in Comune e uccide la funzionaria
Una funzionaria del Comune di Montecatini Terme, Giovanna Piattelli, è stata uccisa nel pomeriggio.  Il killer? Un ex dipendente comunale, Silvano Condotti, che le ha sparato un colpo di pistola alla testa all’interno del municipio. L'assassino è fuggito per poi togliersi la vita nella sua abitazione. La funzionaria, invece, è morta in ospedale. L'uomo era un ex dipendente comunale, ex autista di scuolabus, licenziato sei anni fa e la donna uccisa sarebbe la dirigente che aveva firmato il licenziamento.

Secondo prime informazioni, la dirigente sarebbe stata uccisa con un unico colpo di pistola. L'omicidio sarebbe avvenuto nel suo ufficio. Lo sparo è stato udito dagli altri dipendenti comunali che sono subito accorsi nella stanza della dirigente. La donna è morta in ospedale. Lo sparo è stato udito dagli altri dipendenti comunali che sono subito accorsi nella stanza della dirigente. Sono rimasti per lunghi minuti barricati nei loro uffici gli altri dipendenti del Comune di Montecatini. “Temevano che l’uomo fosse ancora all’interno della sede”, racconta il sindaco, Giuseppe Bellandi, che sta rientrando in tutta fretta a Montecatini di ritorno da un impegno fuori città. Il municipio sarebbe stato riaperto mentre le forze dell’ordine stanno cercando l’uomo che ha sparato. La dipendente uccisa, secondo le informazioni raccolte dall’assessore alla Comunicazione Bruno Ialuna, si chiama Giovanna Piattelli, aveva 60 anni, era impiegata in Comune da molti anni. “Una persona stupenda – dice il sindaco Bellandi – di grande gentilezza e disponibilità, un’amica oltre che una dipendente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog