Cerca

Prete insulta due testimoni di Geova

Condannato a 500 euro di multa

Prete insulta due testimoni di Geova
Frasi offensive contro due testimoni di Geova? Don Mario Oliva non se l'è cavata bene. È stata confermata in secondo grado la condanna per il prete accusato di aver pronunciato frasi offensive contro due testimoni di Geova. Don Mario Oliva, parroco nella frazione San Basilio di Novara di Sicilia, in provincia di Messina, prima con un megafono posizionato sul campanile della chiesa e poi con un faccia a faccia, avrebbe apostrofato in malo modo Giovanni Rapaglià e Giuseppe Sturniolo, accusandoli di fare «il lavaggio del cervello alla gente» e di «predicare a scopo di lucro». Nel processo di primo grado, il giudice monocratico di Barcellona Pozzo di Gotto, Giuseppe Martello, aveva condannato don Mario Oliva per vilipendio e ingiurie. In secondo grado, nel corso della requisitoria, il procuratore generale, Vincenza Napoli, aveva modificato il reato di vilipendio in ingiuria. La corte d'appello di Messina ha quindi condannato il parroco a 500 euro di multa. I giudici hanno confermato anche la condanna al pagamento delle spese processuali e al risarcimento danni alle parti civili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • poochie

    02 Marzo 2012 - 21:09

    I testimoni di Geova seguono semplicemente il comando di Gesù di fare discepoli come facevano i primi cristiani e si sforzano sinceramente di mettere in pratica la Bibbia in ogni aspetto della loro vita. Tutte le persone che hanno dubbi sul loro conto o che nutrono pregiudizi sono invitati a conoscerli meglio,visitando i loro luoghi di culto,studiando la Bibbia con loro o semplicemente scambiando opinioni con loro.

    Report

    Rispondi

  • sicilianodoc

    01 Febbraio 2010 - 17:05

    Signor SEMOVENTE,mi scusi,ma secondo lei quali potevano essere gli scopi di quei due signori testimoni di Geova?Mi faccia capire,lei dice che il monsignore dell'articolo ha detto la verita',ma quale verita'?Forse quella relativa al lavaggio del cervello?Oppure quella dell'opera dei testimoni di Geova(persone pacificissime e per bene)della quale il parroco ha definito a scopo lucrativo?La invito a frequentare una congregazione di testimoni personalmente perche'possa scoprire che in effetti quel monsignore non solo ha proferito autentiche bugie,ma il suo atteggiamento inoltre e'scaturito solo da stolto pregiudizio.

    Report

    Rispondi

  • semovente

    22 Gennaio 2010 - 17:05

    BASTA AVERE UN COLLOQUIO CON UNO DI QUESTI PERSONAGGI E SI HA LA CONFERMA DEI LORO SCOPI.

    Report

    Rispondi

blog