Cerca

Il giudice: su Abu Omar segreto di Stato ingiusto

Oscar Magi nella sentenza: agenti del Sismi protetti, quindi non giudicabili

Il giudice: su Abu Omar segreto di Stato ingiusto
Il segreto di Stato sul caso Abu Omar è stato messo da Prodi prima, da Berlusconi poi, e confermato da una sentenza di corte Costituzionale. Ma questo non basta, al giudice Oscar Magi, per accettarlo e capirlo. Così il magistrato si sfoga nelle motivazioni della sentenza di non doversi procedere per i funzionari ed ex funzionari del Sismi. Il rapimento di Abu Omar, l'Imam sequestrato a Milano nel febbraio 2003, avvenne ad opera della Cia con la "conoscenza e forse la compiacenza" del Sismi, allora diretto dal generale Nicolò Pollari, dice il giudice. Ma la responsabilità penale dei servizi segreti nazionali non è stata accertata a causa del segreto di Stato apposto dai governi Prodi e Berlusconi e confermato dalla Corte Costituzionale con una sentenza che costituisce "un paradosso logico e giuridico di portata assoluta e preoccupante". All'esito del processo furono condannati gli agenti Cia mentre per gli ex vertici del sismi, Nicolò Pollari e Marco Mancini, fu disposto il non doversi procedere, appunto, per l'esistenza del segreto di Stato.

La  sentenza è del  4 novembre scorso. "L'esistenza di una autorizzazione organizzativa a livello territoriale nazionale da parte della massime autorità responsabili da parte del servizio segreto Usa lascia presumere che tale attività sia stata compiuta quanto meno con la conoscenza (o forse con la compiacenza) delle omologhe attività nazionali, ma di tale circostanza non è stato possibile approfondire le evenienze probatorie (pur esistenti) per l'apposizione - opposizione di segreto di Stato da parte delle attività governative italiane".

Il Caso Abu Omar fa riferimento al rapimento e trasferimento in Egitto, suo paese di origine, dell'Imam di Milano Hassan Mustafa Osama Nasr, noto come Abu Omar, ed alle successive vicende. La questione è stata riportata dalla stampa internazionale come uno dei più noti e meglio documentati casi di extraordinary rendition eseguiti dai servizi segreti statunitensi nel contesto della guerra globale al terrorismo.

Abu Omar è stato sequestrato il 17 febbraio 2003 a Milano da dieci agenti della CIA e un maresciallo dei carabinieri che fino a un anno e mezzo fa ha lavorato nella sezione antiterrorismo del Ros di Milano. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti e quanto dichiarato dallo stesso Nasr, l'imam è stato rapito a Milano mentre si recava alla moschea e trasportato presso la base di Aviano per essere trasferito in Egitto dove è stato recluso, interrogato e avrebbe subito torture e sevizie.

Il governo italiano ha  negato di aver ricoperto alcun ruolo nel sequestro, ma alle indagini condotte dai procuratori aggiunti Armando Spataro e Ferdinando Enrico Pomarici sono seguiti i rinvii a giudizio per i servizi americani, di 26 agenti della Cia tra cui il capocentro di Roma e referente per l'Italia della Cia fino al 2003 Jeffrey W. Castelli e il capocentro di Milano Robert "Bob" Seldon Lady, mentre per i servizi Italiani, del Generale Nicolò Pollari, vertice del Sismi, del suo secondo Gustavo Pignero morto l'11 settembre del 2006, Marco Mancini e dei capicentro Raffaele Ditroia, Luciano Di Gregori e Giuseppe Ciorra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • danianto1951

    02 Febbraio 2010 - 11:11

    questo togato fa il paio col genio del calzino azzurro, appare evidente la sua diretta iscrizione al nucleo terroristico "salviamo osama bin laden" il cui capo per ampi meriti è l'esimio Spataro che già si propone come camo supremo del terrorismo nostrano cui da decenni funge da protettore estremo.

    Report

    Rispondi

  • carlodig

    02 Febbraio 2010 - 10:10

    ho letto che il giudice, non potendo emettere condanna PENALE, ha comunque voluto esprimere una forte CONDANNA MORALE. Ma i giudici sono pagati per emettere pareri morali?

    Report

    Rispondi

  • beppazzo

    02 Febbraio 2010 - 07:07

    Andrebbe bene come badante, beninteso per giudice-

    Report

    Rispondi

  • pincruise

    01 Febbraio 2010 - 22:10

    se il governo Berlusconi dovesse decidere di far sottoporre i nostri magistrati a "visita psico-attitudinale" la metà di loro rimarrebbe disoccupata...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog