Cerca

Uccide e fa a pezzi il socio

Arrestato un armiere di Como

Uccide e fa a pezzi il socio
Ha ucciso il socio in affari e ha fatto a pezzi il cadavere. È successo a Como dove il titolare di un’armeria è stato arrestato per omicidio volontario. Il provvedimento è scattato dopo che ieri la convivente della vittima ne aveva denunciato la scomparsa. Secondo una prima ricostruzione, Alberto Arrighi, 40 anni, avrebbe ucciso a colpi di pistola Giacomo Brambilla, 43 anni, titolare di vari distributori di benzina della zona. I due avrebbero avuto una discussione nel retro dell'armeria, fino al tragico epilogo.

Il cadavere decapitato di Brambilla è stato trovato nei pressi di Domodossola, in Piemonte, probabilmente su indicazione dell'armiere. La testa dell'imprenditore comasco è stata invece rinvenuta nel forno di una pizzeria nel comasco. L'ipotesi è che la decapitazione sia stato un maldestro tentativo di rendere irriconoscibile la vittima.

Insieme ad Arrighi è stata fermata una seconda persona. Si tratta di un congiunto, che avrebbe aiutato l'assassino nell'occultamento e nel tentativo di distruzione di parte del cadavere. L'uomo sarebbe il proprietario del locale in cui sono stati ritrovati resti della vittima.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog