Cerca

"Sposa bambina" a Brescia

Arrestati un romeno e sua madre per riduzione in schiavitù e violenza sessuale

"Sposa bambina" a Brescia
Scoperto a Brescia un caso di “sposa bambina”. Una romena, all'età di 13 anni, nel settembre scorso si unita in matrimonio con un connazionale di 21 anni. A segnalare l’accaduto, rivolgendosi ai medici, è stata la minorenne stessa, preoccupata perché il marito è affetto da Aids. A quel punto, avvisati gli agenti di polizia, sono scattate le manette per il romeno e sua madre, affidataria della bambina, accusati di riduzione in schiavitù e violenza sessuale

Un caso simile si era già verificato a Brescia nel 2008: un kosovaro di 21 anni aveva sposato una dodicenne da cui aveva avuto una figlia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    04 Febbraio 2010 - 11:11

    si vede che non segui molto la cronaca giudizia. Stesso reato : punizione diversa, ogni giudice interpreta le leggi del Parlamento italiano con un metro diverso quindi per "quei" signori la legge è libera interpretazione! saluti

    Report

    Rispondi

  • fiscadr

    04 Febbraio 2010 - 00:12

    Proprio non la vogliono capire queste teste dure che in Italia si applicano le leggi della Repubblica e non quelle della tribù di appartenenza. E poi c'è qualche testa d'uovo nostrana che vuole dargli la cittadinanza dopo 5 anni, ma se i fatti sono questi nemmeno dopo cinquanta anni devono essere italiani, per non parlare del fatto che devono parlare italiano, conoscere meglio anche di noi la Costituzione, ed avere voglia di lavorare, parola spesso sconosciuta. Soddisfatte queste condizioni forse si può anche pensare di tenerli in Italia come Italiani.

    Report

    Rispondi

  • papi.presidente

    03 Febbraio 2010 - 15:03

    i giudici giudicheranno secondo le leggi e i decreti legge... e chi li fa? toh guarda il parlamento (nominato dai capi dei partiti) e il governo...

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    03 Febbraio 2010 - 14:02

    che mercificano/schiavizzano una bambina di quell'età, non sono esseri umani sono semplicemente delle amebe. Mi chiedo ora quale sarà la punizione data dai giudici che li giudicherano. La canzone di Mina le mille bolle blu potrebbe essere il risultato buonista che i giudici nostrani daranno a questi vermi. Nulla............Spero non sia così. Ma i dubbi rimangono.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog