Cerca

Papa: "Eutanasia colpo al cuore dei principi cristiani"

Benedetto XVI ai vescovi scozzesi: "È una delle sfide sfide del secolarismo"

Papa: "Eutanasia colpo al cuore dei principi cristiani"
«Il sostegno all'eutanasia colpisce profondamente al cuore il principio cristiano della dignità della vita umana»: lo ha affermato Benedetto XVI ricevendo in udienza un gruppo di vescovi scozzesi. Il pontefice ha parlato delle «sfide» poste dalla «marea montante di secolarismo nel vostro Paese», sottolineando, fra l'altro, che «i recenti sviluppi nell'etica medica e alcune delle pratiche sostenute nel settore dell'embriologia sono causa di grande preoccupazione». «Se l’insegnamento della Chiesa viene compromesso, anche di poco, - ha aggiunto il Papa - in un campo del genere, diventa difficile difendere pienamente la dottrina cattolica in modo integrale».

Unità tra i cristiani- Il Papa ha poi rivolto ai vescovi un invito a proseguire negli sforzi per una «piena, visibile unità» tra i cristiani, ma senza cedere ad alcuna spinta a «diluire il messaggio evangelico».
«La Chiesa nel vostro Paese, come molte altre nel Nord Europa - ha detto papa Ratzinger - ha sofferto la tragedia della divisione», ed è «doloroso - ha aggiunto - ricordare la grande rottura con il passato cattolico scozzese occorsa 450 anni fa». Tuttavia, ha ammesso il pontefice, molti progressi sono stati fatti nella «guarigione delle ferite ereditate da quell'epoca, specialmente il settarismo che ha continuato a voltare la testa, anche in tempi recenti». Il lavoro di ricostruzione dell' unità tra i «seguaci di Cristo - ha osservato il Papa - è portato avanti con costanza e impegno». Ora - ha raccomandato - «resistete ad ogni spinta a diluire il messaggio cristiano, dirigendo i vostri sguardi verso una piena, visibile unità, perchè niente di meno può rispondere al volere di Cristo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ayur1951

    25 Giugno 2010 - 19:07

    la Dignità della vita umana terrena si deve alimentare da se stessa. Se ciò non è possibile significa che l'Individuo ha completato il suo percorso. Questo è un fatto inderogabile che deve godere del Rispetto di tutti, anche della religione, qualunque essa sia. Forse sarebbe il caso che la Chiesa riprenda a parlare di Anima e di Spirito, oltre alla vita umana.............................................................................................., o è troppo pericoloso????

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    06 Febbraio 2010 - 15:03

    Non credo che ogni cittadino di questo mondo,badi bene parlo di tutti e non solo di noi Italiani, abbia piacere a farla finita con l'esistenza in questa vita come se stasse bevendo un bicchiere di vino. La vita è un sacro regalo che Dio o la natura che per me sono la stessa cosa, elargisce agli esseri umani e pertanto,secondo una eterna logica,solo chi ti ha dato la vita avrebbe il diritto a togliertela. Ma, Caro Fratello,sono un cattolico battezzato, Io capisco il Suo Ruolo ma, Lei, perchè una volta tanto non si mette nei panni di chi soffre atrocemente,sia fisicamente, che spiritualmente , trovasi solo senza che nessuno,nemmeno le mosche, ti sono vicino per darti,quantomeno un conforto morale e materiale ? Lei Santità, è attorniato da tantissime persone,suorine e sacerdoti che provvedono ad aiutarla in tutto e per tutto e così dicasi anche per tutti quei prelati che vivono nei Conventi mentre, molti di coloro che sperano nella morte per porre fine ai propri dolori,vivono da soli .

    Report

    Rispondi

  • drjekill

    06 Febbraio 2010 - 10:10

    Dove lo Stato è confessionale e la Chiesa è politica la libertà è impossibile. Giovanni Bovio: Filosofia del diritto, 1885 Siamo arcistufi di vedere il papa tutti i giorni su giornali che dovrebbero essere laici o forse non lo sono per interesse...

    Report

    Rispondi

blog