Cerca

Niente comunione ai gay

Il vescovo di Pistoia, Scatizzi, rifiuta l'eucarestia anche a divorziati e conviventi

Niente comunione ai gay
“La pratica omosessuale e la ostentata e dichiarata omosessualità impediscono l’amministrazione  della comunione, secondo quanto dice la Chiesa e nessuno sicuramente  è in grado di contraddire questo precetto”. Lo afferma il Vescovo  Emerito di Pistoia, Monsignor Simone Scatizzi, in un’intervista al sito cattolico on line 'Pontifex'.

“L'omosessualità in quanto tale è un disordine - dichiara  Scatizzi - e su questo non ci sta discussione. In ogni caso con gli  omosessuali è necessario usare delicatezza e misericordia e alla fine il giudice ultimo è Dio, pertanto sulla terra nessuno è autorizzato  ad emettere sentenze”. Ma per coloro che proclamano la loro omosessualità e la praticano “qui le cose cambiano un tantino. Da  pastore sono obbligato, sempre in linea generale, a rifiutare la  comunione - ricorda il vescovo emerito di Pistoia - Certo, se si  presentano davanti a me non posso dire di no, non per buonismo, ma perchè non so se questi possano essersi confessati, pentiti o aver cambiato vita. Il principio generale è che la conclamata, ostentata e praticata omosessualità è un peccato che esclude dalla comunione”.

 “Neppure i divorziati possono accedervi - aggiunge monsignor  Scatizzi - ma non per una cattiveria della Chiesa e i divorziati mai  devono sentirsi emarginati o esclusi dalla comunione con la Chiesa, ma esiste una oggettiva situazione incompatibile con il sacramento e la sua amministrazione”. Quanto alla “convivenza tra persone cattoliche more uxorio e non sposate è peccaminosa e comunque - aggiunge il  presule - è un atto impuro e come tale non permette al sacerdote di dare la comunione al convivente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    06 Febbraio 2010 - 15:03

    Vorrei ricordare a chi lo ha dimenticato o non lo ha mai saputo che la Comunione non è altro che l'invito che Gesù di Nazaret fece a tutti coloro che erano presenti al banchetto e che credevano in lui di ricordarlo sempre prendendo parte al banchetto e di mangiare del suo Corpo e bere del Suo Sangue mangiando un pezzettino di pane e bevendo un sorso di vino. Gesù i n quella riunione non discriminò nessuno anche perchè. chi va liberamente a Lui,crede in Lui e ama Lui. Allora,vorrei sapere,chi è costui che indossando la Tonaca di un Vescovo,servo di Cristo,si permette di discriminare un fratello in Cristio e figlio di Dio non ammettendolo al sacro banchetto perchè potrebbe essere una creatura umana aventi delle differenziazioni che non hanno nulla a che fare con l'amore in Cristo e in Dio ? - Vade retro satana. Lascia a Dio il premio o il castigo.

    Report

    Rispondi

blog