Cerca

Le Acli attaccano il governo

"Sull'immigrazione è sordo"

Le Acli attaccano il governo
Dopo Famiglia Cristiana, che per tutta estate ha attaccato il governo sulla sicurezza, accusandolo addirittura di aver creato un clima di razzismo in Italia, è il turno delle Acli che criticano la maggioranza di centrodestra per le ultime misure adottate di fronte all’emergenza immigrazione. Lo fa tramite il presidente Andrea Olivero con un comunicato diffuso oggi dell’organizzazione. “Stupisce davvero come neppure più la Chiesa sembra venire ascoltata da questo governo sul tema dell'immigrazione”, esordisce Olivero. Alla richiesta di “risposte positive” avanzate dal cardinal Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, per il ricongiungimento dei familiari e le procedure di riconoscimento dello status di rifugiato, il governo si è dimostrato “insensibile” e, nonostante “le tragiche vicende dei giorni scorsi a Milano, piuttosto che a Castel Volturno”, risponde con “un inasprimento assolutamente ingiustificato dei requisiti per ottenere il ricongiungimento degli immigrati regolari con i propri familiari”. A dirla tutta, è difficile capire quale sia il nesso tra quanto accaduto nel capoluogo lombardo e nella cittadina campana con le misure prese dal Consiglio dei ministri di oggi, ma per le Acli non c’è alcun dubbio: il governo è sordo alle parole della Chiesa. “E persino per quanto riguarda i rifugiati, si predispone un inasprimento delle misure nei confronti dei richiedenti”, continua Olivero che ricorda come l’Italia sia l’unico Paese dell’Unione europea che ancora non regola seriamente la materia. “Ostacolare il ricongiungimento familiare significa boicottare lo strumento principale di integrazione sociale degli stranieri in Italia, con tutte le conseguenze che ciò comporta sul piano della dignità delle persone, del futuro delle cosiddette seconde generazioni e della stessa sicurezza dei cittadini”, rincara la dose il presidente. Una bocciatura a tutto campo. Che non si fece sentire quando dalla parti di Torino le stesse Acli invitarono Curcio ad un dibattito pubblico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuciaRosi

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Sono cattolica,ma non accetto il cattocomunismo della Chiesa Cattolica; del resto in molte circostanze storiche Essa ha preso posizioni che, poi,alla luce dei fatti, si sono rivelate sbagliate. Vorrei che le Alte Gerarchie e le Acli, piuttosto che "sentenziare", riflettessero un pochino di più su dove, purtroppo, è andato a finire il sentimento religioso (specie in Italia). Poi, visto che il governo italiano è in grande difficoltà per l'immigrazione selvaggia, proporrei che tutti questi "disperati", con le loro famiglie e i loro clan trovassero vitto ed alloggio nei conventi e nelle proprietà della Chiesa, forse, dopo, capirebbe a fondo la gravità della situazione. Vorrei anche che le Acli, per un momento, prendessero in considerazione come questo afflusso viene subito da tutti i cittadini italiani, dico da tutti, perchè quelli che si sentono generosi ed altruisti, per un puro caso, si trovano lontano dalle conseguenze e dal degrado che l'enorme massa di " nuovi arrivati" ha prodotto ai semplici contribuenti. Vorrei far notare, inoltre, che, questo "obbligo di accettazione",farà scatenare sempre più il razzismo, con le ineluttabili conseguenze. Infine desidero invitare le Acli a meditare con saggezza sugli episodi di violenza registrati in questi ultimi giorni a Milano e a Castelvolturno. Io penso che, alla luce di questi ultimi brutti fatti di cronaca, una buona fetta di popolazione italiana comincerà ad interrogarsi sul suo futuro quando il numero degli "ospiti" sarà aumentato in maniera esponenziale.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    24 Settembre 2008 - 19:07

    L'Italia ha attualmente tre governi. Il governo non ombra, quello vero,il governo fasullo, quello ombra di Veltroni ed il governo clericale con tutti i suoi addentellati. Come dire che il governo non ombra è accerchiato a tenaglia dagli altri due. La chiesa degli uomini in clargimen, ormai non fa altro che dettare regole e comportamenti all'attuale governo, tanto che il generale Bagnasco si è spinto a dire la solita scempiaggine, che dobbiamo accogliere i migrantes in quanto nostri fratelli. Non sapevo di avere una madre così proli-fica. I veltroniani anch'essi spingono per l'accettazione (nulla a che fare con l'accetta)di ogni centuria e legione che ci viene inviata via mare dall'Africa. Via terra non ne parliamo, ormai è una invasione continua di gente che migra dove c'è il ventre molle. E dove meglio dell'Europa , meglio dell'Italia, terra di soloni e filosofi dal pensiero debole? E non potevano mancare le ACLI che accusano di sordità ed insensibilità il governo, naturaliter di destra. Io dico, meno male che ogni tanto c'è qualche sordo, che cerca di limitare i danni. Se dipendesse da me, altro che sordo, sarei anche cieco e forse insensibile allo stato attuale, ad ogni richiamo di pietas. Ma come sono malvagio, direte voi. Ragazzi, a tutto c'è un limite ed il limite in Italia è stato raggiunto. Ci siamo riempiti di feccia internazionale che viene in Italia a delinquere, non potendo fare altro, a fare meretricio, a rubare, e non ci possono confortare i rari esempi di buona condotta. La percentuale di detenuti è più che eloquente e la maggioranza pende dalla parte degli stranieri. Le nostre risorse sono alla frutta, per avere delapidato quanto di riserve avevamo. 1670milardi di euro di debito pubblico, non sono una fesseria e con questo macigno di debito , ditemi vopi se ci possiamo permettere di aiutare ancora i diseredati del mondo. Siamo forse ricchi, noi? o siamo anche noi dei miserabili che si permettono una vita al di sopra delle reali possibilità? Sinora ci hanno scannato di tasse, tanto da arrivare alla scorticatura, finita la tosatura, cosa dobbiamo dare di più? Abbiamo dato pensioni a tutto il mondo, persino ai nostri emigranti in USA, Argentina, Venezuela etc. che non hanno più versato un soldo allo stato da anni ed anni che sono fuori patria. E' un via vai di ex italiani che vengono a prendere la cittadinanza per poi avere la pensione sociale. E noi siamo prodighi da inferno dantesco, mentre i nostri giovani, i nostri figli, gli italiani veri da sempre, soffrono la disoccupazione e la sottoccupazione. Ma questo non interessa più a nessuno, ora la nostra attenzione è rivolta tutta alle miserie del mondo cui dobbiamo fare da ricettacolo per i frateliiiiiii. Ma andate a cagare, avete rotto i coglioni, è ora di finirla con questo comportamento d'accato. Sono egoista? No realista più del re. Mi considero un miserabile, strozzato dalle tasse ormai al 50% e non sono in grado nemmeno di mantenere la mia famiglia, figuriamoci se posso tendere la mano alle miserie del mondo. Abbiamo il cappio al collo, ficcatevelo nella zucca, basta una tiratina e si rimane giugulati. Stateve accuorte, popolo di stracc.....

    Report

    Rispondi

  • cartadabollo

    24 Settembre 2008 - 18:06

    Se continua così, diventa cieco. Come si può confondere la realtà dal trucco? Secondo me sono stati i cartoni animati e qualche manga a rovinarlo così. Perchè insistere a convertire un incosciente? Soltanto pietà!

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    24 Settembre 2008 - 16:04

    e poi dovete piantarla con la sinistra non la voto e mai la votero'...lo ho gia' scritto qwuando non sapete che dire tirate fuori la sinistra ed i comunisti-...come il Don Berlusca...ridicoli...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog