Cerca

Italia nucleare

Il Consiglio dei Ministri: via alla scelta dei siti su cui costruire gli impianti. Ma dalle Regioni fioccano i no

Italia nucleare
Il nucleare è più vicino. Le Regioni sul cui territorio si potranno costruire impianti verranno scelte grazie al regolamento stabilito mercoledì. Il Consiglio dei Ministri ha infatti approvato il decreto legislativo sulla disciplina della localizzazione, della realizzazione e dell’esercizio di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di impianti di fabbricazione del combustibile nucleare, dei sistemi di stoccaggio del combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi, nonché misure compensative e campagne informative al pubblico.

L’obiettivo del governo è di arrivare a coprire il 25 per cento del fabbisogno nazionale, allentando la fame di petrolio della penisola: l’Italia è il settimo importatore al mondo di petrolio. Negli scorsi mesi parecchie regioni, tra cui Sicilia e Sardegna, si sono definite "denuclearizzate", per impedire di essere scelte dal governo quali possibili territori su cui costruire.

Il decreto approvato "si caratterizza per la trasparenza e il rispetto assoluto della sicurezza delle persone e dell’ambiente". Lo ha sottolineato il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola. Scajola ha sottolineato che "individuato il percorso per il riavvio del nucleare, i primi lavori nei cantieri partiranno dal 2013 e la produzione di energia elettrica dal 2020".
Libero-news.itLibero-news.it

Secondo il memorandum d’intesa tra Enel e la francese Edf, la prima centrale nucleare nazionale diventerà operativa per il 2030.



Secondo il memorandum d’intesa tra Enel e la francese Edf, la prima centrale nucleare nazionale diventerà operativa per il 2030: è prevista, inoltre, la costruzione di altri tre impianti. Per quella data si stima che la spesa nel mondo per i reattori arriverà a mille miliardi di dollari: un affare d’oro, quello della corsa verso il nucleare civile.

Gli impianti italiani saranno sviluppati da una società d’oltralpe, Areva (controllata indirettamente dall’Eliseo al 90 per cento): saranno centrali Epr (European pressurized reactor) in grado di garantire 1600 Megawatt. Si tratta della terza generazione di impianti nucleari: rispetto alle precedenti, è differente il sistema di raffreddamento e garantisce standard di sicurezza più elevati. Areva costruirà undici dei 41 impianti in cantiere nell’Unione europea, dove il 27 per cento dell’energia arriva dall’atomo: il primo progetto di Epr in fase di realizzazione, l’impianto finlandese di Olkiluoto, sarà consegnato con un ritardo di tre anni e spese lievitate del 25 per cento.


Il no delle Regioni -
Sarà perché siamo in piena campagna elettorale per le Regionali, ma ad oggi non c'è  un'amministrazione regionale che abbia gridato all'entusiamo sulla questione dell'atomo e dichiarato di volere una centrale sul proprio territorio. Un problema non da poco, con cui il governo dovrà confrontarsi.
Dopo i no "scontati" di Puglia, dove Nichi Vendola sta puntando da anni sulle rinnovabili. I no di Sardegna e Sicilia (che in quanto regioni a Statuto speciale saranno più dure da espugnare). I no di Campania, Toscana e Piemonte, pure la filo governativa e  industrializzata Lombardia ha detto no. 

Lombardia -
“In Lombardia per ora non abbiamo bisogno di centrali nucleari, tant'è vero che già gli anni scorsi  avevamo fermato dei progetti in itinere”, ha detto il presidente della Regione, Roberto Formigoni, sottolineando  come sul fronte energetico la Regione sia “molto vicina  all’autosufficienza. La scelta italiana, però, di aprire al nucleare  è positiva - ha concluso Formigoni - perchè è una tecnologia sicura ed è quindi giusto andare in quella direzione”.

Friuli -
"Ho fondate informazioni che le caratteristiche del nostro territorio sono tali da escludere la realizzazione del nucleare" in Friuli Venezia Giulia ha detto il presidente della Giunta regionale Renzo Tondo. "Ciò anche per ragione di sismicità". Quanto all’indicazione di Monfalcone come possibile sito, secondo Tondo, "ne ha parlato solo il verde Bonelli". Il presidente del Friuli Venezia Giulia ha ricordato di essere in generale favorevole al nucleare, ma, ha aggiunto, "non accetto oggi di essere posto davanti a un’affermazione ideologica se sì o se no" rispetto alla scelta di un impianto da collocare eventualmente in Friuli.

Veneto - Il ministro delle Politiche agricole Luca Zaia ha votato a favore dei criteri sul nucleare in Consiglio dei ministri, ma esclude la possibilità di una eventuale  collocazione di siti nucleari in Veneto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    11 Febbraio 2010 - 11:11

    E' storia vecchia...nessuno vuole le centrali sotto casa...ma se "nucleare" dev'essere...equamente...una centrale in ogni Regione (tanto per cominciare e compatibilmente alla sismicità delle zone). Non ci possiamo più permettere gli attuali costi energetici. Forse che nel resto d' Europa sono più creduloni ed autolesionisti . Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • piviere614

    11 Febbraio 2010 - 11:11

    1) Sarà un caso ma, in tutta Europa ci sono pochissime centrali in costruzione. 2) Per le centrali, come per le carceri, il governo annuncia e tanto basta, nella Repubblica italiana fondata sulla pubblicità. Se poi, per costruire un carcere, ci vogliono, mediamente, sette anni e mezzo e per costruire una centrale non si sa, questo non vale perché ciò che conta non è il prodotto ma il messaggio. 3) Il governo si guarda bene dal dire dove vuole mettere le centrali ma è prevedibile che le programmi dove perde meno voti, quindi la costa toscana; sarebbe carino che il Matteoli o la candidata presidente Faenzi dicessero qualcosa.

    Report

    Rispondi

  • bertrand

    11 Febbraio 2010 - 09:09

    Estimado Hernando, devolvo cordiales saludos. La questione del nucleare non è semplice come sembra a chi osserva da lontano. Le propongo le dichiarazioni di candidati a Governatore di due esponenti del centro-destra. Luca Zaia (Lega-Veneto): "Non esistono siti, né candidature della Regione Veneto per ospitare impianti nucleari",vale a dire "si guardi altrove". Rocco Palese (PDL-Puglia): "Sono favorevole al ritorno dell'Italia al nucleare, ne abbiamo bisogno. Ma dico no a una centrale e a eventuali parchi tecnologici di stoccaggio per rifiuti radioattivi in Puglia". Una posizione simile hanno espresso Formigoni per la Lombardia e il Consigliere regionale della Lega Federico Razzini per il Friuli. Come vede in teoria sono tutti d'accordo, ma quando si viene al sodo prevale la linea "NIMBY", non nel mio cortile.

    Report

    Rispondi

  • hernando45

    10 Febbraio 2010 - 20:08

    Apprendo con entusiasmo dal TG1 delle 20.00 che le regioni che ospiteranno un sito nucleare, avranno una serie di sgravi fiscali, tra i quali l'eliminazione dell'addizionale regionale IRPEF. Mi raccomando a Lei Presidente attuale e sicuramente Nuovo della Lombardia, non mi deluda, per mè vorrebbe dire ricevere 51,92 € netti al mese in più sulla mia pensione. VIVA IL NUCLEARE!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog