Cerca

Donazioni organi, consenso in carta d'identità

"Un provvedimento che invita i cittadini ad una prova di consapevolezza positiva"

Donazioni organi, consenso in carta d'identità
La carta d'identità dovrà "contenere l'indicazione del consenso ovvero del diniego della persona cui si riferisce a donare i propri organi in caso di morte". Lo prevede un maxi-emendamento al decreto milleproroghe sul quale il Governo ieri ha posto la fiducia.

E' "un provvedimento che invita i cittadini ad una prova di consapevolezza positiva" è il primo commento del direttore del Centro Nazionale Trapianti, Alessandro nanni Costa. Finora il riferimento legislativo in materia di donazione è stato l'articolo 23 della legge 91 del primo aprile 1999, che prevede la regola del silenzio-assenso. Secondo questa legge i cittadini sono potenziali donatorin e chi è contrario deve esprimere in vita la sua volontà per iscritto. Chi non dichiara esplicitamente di essere contrario alla donazione dei propri organi, è considerato un donatore. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blueeyesplotter

    11 Febbraio 2010 - 12:12

    Mi sembra una cosa molto positiva questo provvedimento!

    Report

    Rispondi

blog