Cerca

San Valentino? Sì ma con il preservativo

La Lila (lega italiana lotta Aids) festeggia la giornata degli innamorati distribuendo profilattici gratis

2
San Valentino? Sì ma con il preservativo
Domenica sarà giornata di amore universale. Si festeggia San Valentino, il patrono degli innamorati. E' una festa antica. Risale al V secolo dopo Cristo, e fu istituita dal Papa per sostituire e cancellare la festa della fertilità, di rito pagano. La festa dell'amore e del fare all'amore, oggi, è inquinata da un pericolo costante e terribile. Quello del contagio con l'Aids. Per questo il Cama-Lila, centro assistenza ai malati di Aids, ha deciso di onorare il Santo Valentino ricordando, soprattutto ai giovani, che fare l'amore è sano e bello. Ma ancora più sano è farlo con il preservativo.

Boom di infezioni - "Nel 2009, in Italia, sono state diagnosticate - dice la presidente del Cama, Angela Calluso - circa 4.500 nuove infezioni, vale a dire 6,7 nuovi casi di positività all'Hiv ogni 100.000 residenti, posizionando l'Italia fra i Paesi dell'Europa occidentale con un'incidenza di Hiv medio-alta. Più del 54% delle persone, alle quali viene diagnosticata l'Aids, non sapeva nemmeno di essere sieropositivo. Evidentemente la consapevolezza del rischio continua a diminuire e, parallelamente, anche le vendite dei profilattici. In altri Paesi europei, infatti, la distribuzione di profilattici in contesti non tradizionali (bar, pub e discoteche) è una realtà già consolidata".

Proprio per questo i volontari del Cama Lila, domenica, distribuiranno gratuitamente condom per le strade di Bari, oltre a 3.000 "Patenti per sedurre" prodotte attraverso un progetto approvato dal ministero degli Affari Sociali e, con un contributo minimo, i Cuori di cioccolatA ed altro materiale informativo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    14 Febbraio 2010 - 14:02

    Distribuzione di preservativi? i preti ignoranti e retrogradi saranno incazzati alla grande. Per loro si deve avere astinenza, mortificazione e innaturalezza, ed infatti le vite che vivono, innaturali e monche, li portano poi alla pedofilia con percentuali di categoria ben maggiori che non nel resto della popolazione. Ma a noi dei preti non ci frega nulla.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    13 Febbraio 2010 - 18:06

    Questi cosi detti progressisti vogliono sempre infangare ciò che cè di più bello nella vita "l'amore" . Il profilattico è una necessità sanitaria al fine di non infettarsi con un rappoorto sessuale con una persona sconosciuta o per non avere figli ma,non può essere confusa con l'amore.

    Report

    Rispondi

media