Cerca

Rubavano olive, danneggiando alberi secolari

Puglia, arrestati nove rom di nazionalità bulgara

Rubavano olive, danneggiando alberi secolari

Nove rom bulgari sono stati sorpresi dai carabinieri a rubare olive e danneggiare piante secolari nelle campagne di Canosa di Puglia, nella provincia Barletta-Andria-Trani.
Da tempo, infatti, i militari pattugliavano le campagne in seguito alle lamentele dei proprietari terrieri che avevano segnalato numerosi furti di olive con il conseguente danneggiamento di alberi secolari. Nel corso di un servizio di perlustrazione, una guardia campestre di un Consorzio, che aveva notato la presenza di alcune persone in un fondo agricolo di proprietà di un cittadino di Canosa, ha allertato il 112.
I carabinieri sono giunti sul posto e, individuati i ladri, sono riusciti ad accerchiarli, bloccandoli tutti. Si tratta di 9 cittadini di nazionalità bulgara e etnia rom, 5 uomini e 4 donne, di età comprese tra i 18 e i 45 anni, tutti sprovvisti di documenti.

I fermati, che potrebbero essere coinvolti in altri furti avvenuti nella zona, sono stati colti sul fatto proprio mentre, armati di bastoni, stavano danneggiando gli alberi antichi e stavano facendo cadere i frutti nelle reti adagiate sul terreno. Poco distante, nascosti alla visuale, i militari hanno trovato una Volkswagen Golf ed un furgone Ford Transit, al cui interno erano già stipati 4 sacchi di juta ed alcuni secchi di plastica, contenenti olive per un peso totale di circa 500 kg.
La refurtiva e gli oggetti sono stati sequestrati. Le olive sono state consegnate al proprietario. I nove, che hanno dichiarato di abitare a Stornara, in provincia di Foggia, sono stati arrestati in flagranza di reato con le accuse di furto aggravato e danneggiamento di ulivi secolari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    18 Febbraio 2010 - 08:08

    Bah, Al Nord gli extracomunitari hanno fatto di peggio e nessuno ne ha mai scritto articoli. Forse che la Puglia è terra santa? E poi gli amministratori cosa ci stanno a fare?

    Report

    Rispondi

  • hernando45

    17 Febbraio 2010 - 22:10

    Sembra una di quelle notizie che si sentivano enunciare da MAX VINELLA ad ALTO GRADIMENTO 35 e più anni f'à, allorchè il personaggio creato da Arbore & Boncompagni concludeva con. Sono stati denunciati per: VILIPENDIO ALLA BANDIERA, VILIPENDIO ALLA COSTITUZIONE, ATTI OSCENI IN LUOGO PUBBLICO, BOLLO SCADUTO , REVISIONE VEICOLARE NON PASSATA. Questi ultimi due FORSE gli unici veri motivi per i quali soggetti del genere FORSE!!! fra 17 anni saranno costretti a rispondere in giudizio!!!!. Cosa volete che gli importi alla MAGISTRATURA di reati di questo tipo, PRESI COME SONO a perseguire BERTOLASO per COLPIRE BERLUSCONI, queste sono solo QUISQUIGLIE per dirla come il Principe De Curtis!!!POVERA ITALIA!!! Come sei scaduta!!!! Ormai quello che importa ai magistrati si chiama (confidenzialmente) PAPI B come lo chiamano quelli di SOCCORSO ROSSO come VALERIA78 o IL NANO PUTTANIERE come MARINO43, tutto il resto ahimè è solo OGGI LE COMICHE. L'autoesilato politico

    Report

    Rispondi

blog