Cerca

Gruppo choc su Facebook

Dopo le proteste, rimossa la pagina contri i bambini down

Gruppo choc su Facebook
Dopo numerose critiche e proteste, il gruppo choc è scomparso da Facebook.  "Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini down", con oltre 800 membri iscritti, è stato rimosso forse dai suoi fondatori, il "signore della notte" e il "vendicatore mascherato", preoccupati per l'improvvisa notorietà.

Le proteste - Dal web è partita la controffensiva: oltre 1600 utenti hanno segnalato le frasi offensive e denigratorie e chiesto la chiusura della pagina. In breve il gruppo ha superato le cinquemila adesioni. Ma la notizia ha oltrepassato presto i confini della rete. E le reazioni non si sono fatte attendere. Tra i politici, Mara Carfagna, ministro per le Pari Opportunità, «Un gruppo inaccettabile, non degno di persone civili, pericoloso. E, soprattutto, un reato. L'istigazione a delinquere, ovunque questa avvenga e in qualunque forma, è un reato e, di conseguenza, verrà certamente perseguito dalla Magistratura. I responsabili stiano certi che saranno individuati e denunciati, che la Polizia postale sta facendo il massimo per togliere di mezzo questo gruppo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • r2

    23 Febbraio 2010 - 18:06

    casi dove dovrebbero veramente andare a fondo e denunciare chi posta certe scemenze. Speriamo lo facciano. Saluti

    Report

    Rispondi

  • semovente

    23 Febbraio 2010 - 16:04

    IN PIU' SONO QUEI DELINQUENTI CHE SI SONO ESIBITI IN MANIFESTAZIONI RIVOLTANTI.

    Report

    Rispondi

  • engi51glo

    22 Febbraio 2010 - 16:04

    sono la mamma di una ragazza dawn e sono felice e orgogliosa di esserlo, ho dedicato la vita con la mia famiglia a cercare di renderla autonoma senza mai chiedere nulla a nessuno e non permetto a nessuno di usare certe frasi :non vorrei essere la mamma di quei ragazzi che si sono permessi di scrivere e pensare cose come quelle su facebook. Non mi sento diversa per questo, la porto sempre con me ovunque e mi auguro di incontrare un gruppo di questi imbecilli..... Non solo ho pena per loro, ma anche per le loro famiglie che hanno allevato ragazzi simili. Una punizione esemplare ci vorrebbe, sarebbe bello mandarli un pò in luoghi dove vivono e soffrono persone che non chiedono nulla, non hanno scelto loro di essere, se la società che stiamo crescendo è questa... Non cambierei mia figlia con nessuno di questi aridi, insensibili idioti.grazie per avermi permesso questa considerazione.

    Report

    Rispondi

  • pat

    22 Febbraio 2010 - 11:11

    salve sono la mamma di un bimbo down, atea e sostenitrice della legge 194 ma 12 anni fà ho fatto una scelta della quale non mi sono mai pentita. allevare un bimbo down non è facile e vorrei dire ai signori di quel gruppo che non è vero che sono un peso per la società visto che la società anche siamo negli anni 2000 non è che se ne occupi molto fà il minimo ma che sia proprio il minimo, comunque a prescindere vorrei solo ricordare a quei signori che un giorno saranno o padri o madri e non è detto che madre natura sia sempre generosa potrebbe accdere che una loro sorella o fratello abbiano un figlio o figlia down e che fatalità non siano d'accordo con il loro modo di pensare e allora che si fà uccidiamo sorella e bimbo? crescete che è ora ma soprattutto spero che lo stato intervenga e li punisca come deve essere perchè oggi è su facebook ma domani potrebbe accadere che veramente venga usato un bimbo/a down per fare qualche atto che non ha niente a che vedere con la civiltà. saluti, patri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog