Cerca

E' morto l'ex deputato Fragalà

Aggredito a bastonate nel centro di Palermo, il noto penalista era in coma da tre giorni

E' morto l'ex deputato Fragalà
Enzo Fragalà non ce l'ha fatta. Il noto penalista di Palermo, aggredito martedì scorso da uno sconosciuto sotto il suo studio nel centro di Palermo, è morto nel reparto di rianimazione dell'ospedale Civico di Palermo.

Il consigliere comunale ed ex deputato è stato aggredito a bastonate, martedì sera, davanti al suo studio legale in Piazza Vittorio Emanuele Orlando a Palermo.  Trovato riverso per terra, in una pozza di sangue e privo di conoscenza, i colleghi lo avevano trasportato immediatamente all'ospedale Civico, dove i medici avevano riscontrato un violento trauma cranico. Un intervento finalizzato a ridurre la vasta emorragia cerebrale e poi il coma.


E’ stato “un vero e proprio agguato”, stando al racconto degli unici due testimoni oculari che hanno assistito al raid. Ai carabinieri hanno riferito che l'aggressore, che indossava un casco integrale e un giubbotto, ha atteso l'avvocato davanti al palazzo dove ha sede lo studio. Non appena il penalista è uscito dal portone, il sicario lo ha colpito alle spalle con un bastone e ha continuato infierire anche quando Fragalà è stramazzato per terra. Solo la presenza dei due testimoni, che hanno cominciato a gridare, lo ha fatto desistere. A quel punto è fuggito di corsa in direzione della vicina via Volturno, dove quasi certamente lo attendeva un complice. Secondo i carabinieri, che stanno conducendo le indagini, è ancora prematuro azzardare un movente: l'aggressione, spiegano, potrebbe essere collegata sia all'attività professionale dell'avvocato sia al suo impegno politico.

Folla di visitatori - Davanti al reparto di seconda Rianimazione dell'ospedale Civico di Palermo dove era ricoverato l'avvocato sono arrivati  nei giorni scorsi il sindaco Diego Cammarata e il presidente dell'Ordine degli avvocati, Enrico Sanseverino, oltre a numerosi colleghi avvocati e altri amici.

Il ricordo commoso di Gasparri -
«La notizia della morte di Enzo Fragalà ci lascia sgomenti. Non ricordo solo il politico appassionato ed il grande avvocato, ma anche e soprattutto l'amico. Ricordo le giornate sul suo gommone nelle acque della Sicilia a largo di Marettimo, penso con rimpianto a giornate indimenticabili passate in compagnia di un uomo che ha amato fortemente la politica, la sua famiglia, la professione forense, la sua terra. I colpevoli di questo barbarico omicidio hanno troncato la vita di una persona stimata da tantissima gente in ogni parte d'Italia». Così il presidente del gruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, ricorda l'amico appena scomparso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • domit2005

    27 Febbraio 2010 - 11:11

    e complimenti! ma si.. bastoniamo fini che è quello che non si adegua completamente alle direttive del grande capo .. eccellente..che dice i fasci li porta lei ? la camicia nera ce l'ha? che disgusto. state rovinando una grande nazione.

    Report

    Rispondi

  • lupacchiotto

    26 Febbraio 2010 - 18:06

    Spesso paga il giusto pel peccatore. Non sappiamo dei guai del povero Fragalà ma conosciamo bene quelli che combina il suo ex datore di partito. Il sig. Fini. A questi, una scarica di batoste farebbero un sacco bene facendolo rinsavire o toglierlo dai piedi: per la nostra enorme soddisfazione! Purtroppo, il mondo deve andare a rotoli e non fa meraviglia. Per la morte dell'avvocato siamo addolorati, per la "fine" di Fini, beh, siamo speranzosi. (condoglianze alla famiglia).

    Report

    Rispondi

  • antari

    26 Febbraio 2010 - 17:05

    Mi spiace tantissimo per la prematura dipartita, si spera che il colpevole venga acchiappato e incarcerato a vita.

    Report

    Rispondi

blog