Cerca

Gli audio della cricca (3)

Ecco la telefonata degli sciacalli. L'imprenditore Piscicelli e il cognato, Gagliardi, ridono della tragedia che ha colpito l'Abruzzo. Segue Bertolaso che chiede ad Anemone se Francesca è disponibile per una "ripassata"

Gli audio della cricca (3)
Continua la pubblicazione IN ESCLUSIVA per i lettori di Libero delle intercettazioni che hanno portato allo scandalo  sugli appalti del G8 a La Maddalena.

Ecco la famosa telefonata degli sciacalli, quella del 6 aprile, il mattino del terremoto in Abruzzo, fra un imprenditore, Francesco Maria Piscicelli De Vito e suo cognato, Pierfrancesco Gagliardi. Quando è stata pubblicata sui giornali Piscicelli ha scaricato la colpa sul cognato, sostenendo che c’era un errore nell’ordinanza. E invece è lui a pronunciare la frase più sgradevole, gradita però dal cognato che ha fatto capire che alle 3 e mezzo anche lui se la rideva dentro il letto...




Così è raccontata la telefonata nel decimo faldone allegato all’ordinanza sulla cricca degli appalti.

 “Alle ore 03.30 circa del 6 aprile 2009, l’Abruzzo è stato sconvolto da un terremoto che ha causato quasi 300 vittime e distrutto numerosi edifici sia pubblici che privati. Sono state intercettate numerose conversazioni da cui si rileva che alcuni soggetti interessati nella presente indagine, sia imprenditori che non, si sono subito attivati per inserirsi nel lucroso affare della ricostruzione.
Già nel primo pomeriggio del 6 aprile GAGLIARDI Pierfrancesco esorta il cognato PISCICELLI a prendere contatti con i suoi referenti presso gli uffici di via della Ferratella per approfittare dell’emergenza terremoto per partire rapidamente con dei lavori... oh ma alla Ferratella occupati di 'sta roba del terremoto perchè qui bisogna partire in quarta subito ... non è che c'è un terremoto al giorno …(…) … così per dire per carità... poveracci PISCICELLI, cinicamente, ribatte che è la prima cosa a cui ha pensato appena percepita la scossa alle 3 e mezzo del mattino ... eh certo ... io ridevo stamattina alle 3 e mezzo dentro al letto …”


Di seguito la telefonata di Bertolaso che vuole una "ripassata" da Francesca


Rossetti e la segretaria del Centro Benessere organizzano il massaggio a Bertolaso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • r2

    01 Marzo 2010 - 10:10

    di non spiegarmi bene e mi dispiacerebbe. Sperare che avvenga un terremoto per lucrare è una cosa, dire a terremoto avvenuto che bisogna darsi da fare con del lavoro che porterà guadagno è un'altra cosa. A ben pensare ogni attività umana si "ciba" delle disgrazie altrui. Il chirurgo guadagna sul malato, il becchino sul morto, il carrozziere sull'incidente. Forse che qualche autoriparatore non ha mai sperato che un macchinone si scassasse davanti al suo negozio? Quelli che vendono catene da neve cosa sperano? Ora non prendete alla lettera gli esempi perchè è differente il vendere catene da neve dal vendere casse da morto. Vedere se e cosa hanno poi combinato all'Aquila bisogna fare. Questo sì. Vorrei vedere se ognuno di noi avesse potuto concorrere nella ricostruzione con la propia impresa edile cosa avrebbe pensato e detto in privato. Riflettete e pensate a quello che sentite e vedete intorno a Voi tutti i santi giorni. Saluti

    Report

    Rispondi

  • giusto47

    28 Febbraio 2010 - 19:07

    ho ascoltato la registrazione della telefonata di quei due signori che se la ridevano sulle disgrazie e delle sofferenze della gente dell'Aquila in quel momento qualcuno stava morendo sotto le macerie ,cosa dire , come italiano mi vergogno che in questo paese possano esistere personaggi come questi che in nome del dio denaro se la ridono sulle disgrazie degli altri. Se le intercettazioni telefoniche servono a smascherare individui come questi ben vengano e spero che la nostra magistratura vada fino in fondo e se hanno tratto dei vantaggi da questo disastro che abbiano la giusta punizione che meritano.

    Report

    Rispondi

  • r2

    28 Febbraio 2010 - 11:11

    ne faccia una ragione Lei è Leghista perchè non ha provato veramente... mentre Lui non lo è perchè ha provato veramente e, aggiungo io come buon peso, capito veramente... Solita solfa. Saluti

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    28 Febbraio 2010 - 10:10

    " capitanodisventura " Avevo perso la speranza.Non volevo credere che ha sinistra ci fossero solo degli ottusi.Finalmente uno che ragiona.A lei il mio plauso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog