Cerca

Appalti alla Maddalena, tutti in cella

Il Gip convalida la misura cautelare in carcere per Balducci, Anemone, De Santis e Della Giovampaola

Appalti alla Maddalena,  tutti in cella
Restano tutti in carcere. E' arrivata la decisione del Gip di Perugia Paolo Micheli sulla richiesta di rinnovo delle misure cautelari nei confronti dei 3 funzionari pubblici Angelo Balducci, Fabio De Santis e Mauro Della Giovampaola e dell’imprenditore Diego Anemone, arrestati a Firenze nell’ambito dell’inchiesta sul G8 alla Maddalena. A chiedere il rinnovo della misura i Pm perugini Sergio Sottani, Alessia Tavarnesi e Federico Centrone, che hanno ricevuto il fascicolo da Firenze a causa del coinvolgimento nell’indagine del magistrato romano Achille Toro.

La competenza della procura di Perugia a occuparsi dell'inchiesta sugli appalti per i grandi eventi già trasferita nel capoluogo umbro dai Pm di Firenze, è stata confermata nell'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro persone depositata stamani. Il fascicolo è approdato agli uffici giudiziari perugini in seguito al coinvolgimento dell'ex procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, indagato per corruzione, favoreggiamento e rivelazione di segreto d'ufficio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gian65

    28 Febbraio 2010 - 01:01

    bene che restino isolati da quelli che potrebbero aiutarli ancora. non sono di sinistra ma questo governo veramente e' incapace . e' bravo solo a studiare sistemi e leggi per proteggere il loro capo cosi da proteggere se stessi. ma voi che vi dichiarate giornalisti, anche con i soldi dei cittadini, come fate ad accettare che tutto vada in malora a causa di queste basse personalita'? Qui c'e' un malinteso intendimento di destra : questa destra si chiama cosi solo perche' gli altri si chiamano sinistra. bisognerebbe insegnare alla destra cosa vuol dire destra

    Report

    Rispondi

  • ilcantodelgrillo

    27 Febbraio 2010 - 17:05

    Viene costantemente sottovalutata ed invece la perdita di moralità e di modelli sociali sta alla base di tutte le odierne iatture. Un popolo senza morale è un popolo già morto. Oramai sono negletti i tre principi fondamentali della vita. 1) La conservazione della vita ; 2) la propagazione della razza; 3) l'ascetismo ( ascesa spirituale che è forse la piu' importante). Si bada molto alla conservazione della vita contro natura spesso e cosi' restano al mondo persone che continuano a far danni anche per l'avanzata demenza senile. La propagazione della razza è in forte crisi : l'uomo non tende piu' all'altruismo : morire per far vivere il figlio ( per antonomasia) ma vi è l'egoismo legato al forte attaccamento alla propria persona per cui si coltivano i vizi il sesso è considerato un vizio e le unioni contro natura sono all'ordine del giorno. Fra due omosessuali che propagazione puoi avere? Solo fuoriuscita di stronzi per stimolazione anale. L'ascesi NON ESISTE AFFATTO!!

    Report

    Rispondi

  • silviobortone

    27 Febbraio 2010 - 16:04

    Quando si esulta per il terremoto e gli appalti che ne derivano, mentre le persone muoiono vuol dire che non esiste più etica morale , nulla di nulla, solo il dio soldo e gli affari loschi. Godeteveli allora i vostri stramaledetti soldi , che vi possano andare di traverso e che siano la vostra maledizione. Vergognatevi di voi stessi e questo vale anche per chi sapeva e non ha fatto nulla per impedirlo. Vergogna.

    Report

    Rispondi

  • antari

    27 Febbraio 2010 - 15:03

    la giustizia oggi non ha alcun finanziamento, gip e procuratore sono costretti a condividere la scrivania! Che tristezza! Forse perche' i soldi se li pappano tutti alla protezione civile o in parlamento... :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog