Cerca

Gli audio della cricca (4)

Le paure per il lievitare dei costi del G8 e la possibile reazione di Bertolaso. I favori al segretario generale di Palazzo Chigi ai tempi di Prodi

Gli audio della cricca (4)

Guido Bertolaso era temutissimo dagli appartenenti alla cricca degli appalti. Un po' preoccupati per come avevano fatto lievitare il costo degli appalti legati al G8 della Maddalena. Questa telefonata (quarta puntata degli "audio della cricca") è del 4 settembre 2008, al telefono ci sono Fabio De Santis, numero due di Angelo Balducci e un ingegnere, Susanna Gara, dipendente del Ministero delle Infrastrutture. Oggetto del colloquio proprio il lievitare dei costi G8 e il timore per la reazione di Bertolaso

 

 



Ecco come l'ordinanza sulla cricca racconta questa telefonata:
"La mattina del 4 settembre l’ing. Susanna GARA, dipendente del Ministero delle Infrastrutture, che fa anch’essa parte della Struttura di Missione che coordina i lavori alla Maddalena, con tono preoccupato, informa126 l’ing. DE SANTIS che nella predisposizione del progetto definivo per la realizzazione del main conference affidati all’impresa ANEMONE, è prevista una maggiorazione della spesa di minino 28 milioni di euro ... per quanto riguarda invece ANEMONE ... il Main Conference ... (…) … lì loro stanno per produrre un definitivo che è in aumento di qualcosa tipo il 50 % ... senza fare ... (…) … da 32 di lavori tranne le maggiorazioni eccetera ... stanno per arrivare a quasi 50 ... (…) … più le maggiorazioni ... (…) … a tutte quelle cose speciali che sono state richieste per realizzare l'involucro della ... della cosa ... del Main Conference e via discorrendo ...
DE SANTIS è preoccupato per la reazione che può avere BERTOLASO se gli prospetta esigenza di dover incrementare la spesa complessiva di 100 milioni di euro ... quella bisogna che facciamo una riunioncina a Roma con Mauro e con tutti quanti perchè bisogna ... (…) … eh, perchè bisogna prospettarla …(…) … a BERTOLASO perchè sennò ci si incula quello ... cioè gli mandiamo un conto che sarà 100 milioni di euro in più ... (…) … eh ... (ride) ... cioè mi fa i peli ...
L’ing. Susanna GARA manifesta anche preoccupazione per le gravi carenze tecniche della progettazione delle opere di  fondazione affidate all’ing. Silvio ALBANESI che si è pure fatto promotore di uno sconsiderato aumento della spesa ... più che altro c'è un problema anche poi grosso con ALBANESI ... che secondo me si è pippato il cervello …(…) … nel senso ancora non ha prodotto una soluzione progettuale per le fondazioni di 'sto coso …(…) … si ha risolto ... ma non ha risolto ... perchè lui ha risolto in un modo che non si può fare .. nel senso che hanno interpellato due ditte …(…) … esatto esatto ... e pare che questi gli hanno riso in faccia ... a lui gli hanno detto ... "si si ... poi hanno chiamato gli ANEMONI e gli hanno detto ..."signori miei ma voi sognate .. siete scemi?" ... (…) … aspetta un attimo perchè adesso parlo con Mauro perchè ieri sera si sono visti anche con Diego e Daniele e ne avrebbero parlato di questa cosa ... quindi sentiamo un attimo prima loro ...però ALBANESI va un minimo confinato perchè .. secondo me non è più gestibile ... ieri pure su 'sto discorso del Main Conference che aumentava di un sacco di soldi ... dice ..."ah ma noi non possiamo provare ad appellarci alle norme di legge ... dobbiamo dire che è una cosa eccezionale.. quindi in base a questo dovrà essere" giustificabile qualsiasi aumento ... gli ho detto ... "Silvio ma che cosa dici?" Fabio DE SANTIS confida che già a BERTOLASO ha fatto presente che l’esigenza di un notevole incremento di spesa per la ristrutturazione dell’ospedale che deve essere trasformato in albergo (i relativi lavori sono stati aggiudicati alla GIAFI Costruzioni di Valerio CARDUCCI – progettisti architetti Marco CASAMONTI e Giovanni FACCHINI ) … cazzo! ... tutto quello che fa lui è tutto eccezionale ... tutte le cose che fa lui …(ride) ...porco diana ... anche perchè dire voglio dire ... ieri sono andato da BERTOLOSO a presentare il progetto dell'ospedale a mare .. quello lì visitato .. è praticamente gli ho detto che ci vogliono altri 100 milioni di euro in più ... mo gli dico altri 100 di qua .. e lui mi dice .."ma vattene a fare in culo!! " ...(ride)  ... (omissis)


Segue il video delle telefonate tra Balducci e Anemone per il favore al segretario generale di Palazzo Chigi (ai tempi di Romano Prodi), Carlo Malinconico, oggi presidente della Fieg (Federazione italiana editori giornali).

 


Vorticoso giro di telefonate fra il 28 aprile e il 2 maggio 2008 fra imprenditori e dirigenti pubblici della cricca degli appalti per pagare ponti, week end e vacanze estive all'allora segretario generale di palazzo Chigi, Carlo Malinconico, ancora in carica negli ultimi giorni del governo di Romano Prodi. Il favore per lui è chiesto dal capo della cricca, l'ingegnere Angelo Balducci, signore dei lavori pubblici in Italia. Si attiva subito Diego Anemone, imprenditore di fiducia, che chiama Francesco Piscicelli, che ben conosce l'hotel agognato da Malinconico, Il Pellicano di Porto Santo Stefano all'Argentario. Così girandola di contatti con Roberto Sciò, direttore dell'Hotel, prenotato e pagato il ponte del primo maggio, qualche week end successivo e il meritato riposo ad agosto. Malinconico educatamente ringrazia Balducci in una telefonata che è un capolavoro di mozziconi di parole e allusioni.

 

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • COCCINELLA

    03 Marzo 2010 - 15:03

    MA CHE FARANNO ORA I GIUDICI??????? INDAGHERANNO ANCHE PRODI E I COMPONENTI DEL GOVERNO DELL'EPOCA??????? VISTO CHE LA CRICCA OPERAVA GIA' ALLA GRANDE! SE FOSSERO SERI SI, MA VISTO CEH SONO DI PARTE NON ANDRANNO A SCAVARE.....COME SEMPRE ...COME SEMPRE

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    03 Marzo 2010 - 10:10

    E' innegabile che nel nostro Paese gli scandali abbondano e tanto più sono esiziali e contro natura quanto più essi avvengono nella pubblica amministrazione. Questo stato di cose fa capire che gran parte della nostra amministrazione pubblica nei suoi funzionari, è malata di malaffare. Se io fossi politico e ne avessi la possibiltà mi adopererei per svecchiare il marciume e mandare atempo debito in pensione gente ormai "vecchia" ed erede del consociativismo truffaldino della "prima repubblica". Invece costoro beneficiano di leggi che ne allungano la loro vita lavorativa, sino a 70 anni e più, invece di immettere giovani seri e capaci e non ancora nel giro del malaffare, come tanti di costoro che vivono nella melma attuale. Ecco io questo non capisco. E' inutile che Brunetta si dia da fare con i tornelli i badge ed i cartellini, vabbè, ma non sono questi la malattia principale. Bisogna svecchiare , svecchiare, svecchiare.67 e 70 anni sono troppi pernon entrare in un giro perverso.

    Report

    Rispondi

  • gian65

    03 Marzo 2010 - 02:02

    voi dovete difendere sempre e comunque l'indifendibile altrimenti qualcuno si potrebbe arrabbiare...., ma dire che bertolaso era temuto dalla cricca mi pare un po troppo. cioe' le intercettazioni, i riscontri le dichiarazioni non servono a nulla ? i pm ed i giudici sono buoni solo quando PRESCRIVONO ( e non assolvono) l'amico dell'amico? sarebbe interessante sapere da chi fa vera informazione perche' era temuto . voi in questi casi non siete credibili.

    Report

    Rispondi

  • AG1970

    02 Marzo 2010 - 01:01

    L'avviso di garanzia, i tabulati telefonici, le indiscrezioni dalle procure, i giornali di parte e giornalisti (al soldo del relativo editore) che cercano di sputtanarti in ogni modo e di infangarti per farti dimettere Poi arrivano le televisioni amiche che riprendono le notizie e fanno sceneggiate in tv chiamando i più inutili opinionisti. Risultato: tra 15 o 20 anni sapremo chi aveva torto, ma ormai sarà tardi perché il tuo lavoro adesso lo fa un altro. Bertolaso ti prego rimani al tuo posto perché la vita è dura ma tu già lo sai: questa gente che non ha mai fatto niente nella vita, si stancherà sicuramente prima di te. Nel frattempo, speriamo soltanto che la naturale evoluzione della specie che ci porti via questi dottori del nulla, questi filosofi della calunnia, questi specialisti della sceneggiata. E questo non perché sono cattivo, ma perché tanto sono già morti dentro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog