Cerca

E' stupro non pagare una prostituta

Cassazione: "Il cliente rischia una condanna per violenza sessuale"

E' stupro non pagare una prostituta
Il cliente che non paga la prostituta rischia una condanna per violenza sessuale. A stabilirlo è la Cassazione, che considera stupro il rapporto sessuale consumato, se alla donna non viene corrisposto il compenso pattuito. Con la sentenza numero 8286, oggi la Corte ha confermato la condanna a quattro anni di reclusione nei confronti di un 48enne genovese che si era rifiutato di pagare per la prestazione ricevuta.

La sentenza - Nel testo dei giudici si legge: "Si osserva che la vicenda non può inquadrarsi in quella fattispecie particolare nella quale la donna risulta consenziente all’inizio del rapporto sessuale, per poi, manifestare il proprio dissenso a continuarlo, visto che nel caso oggetto di giudizio la signora aveva manifestato all’uomo di essere solo in attesa del pagamento dovuto, per l’attività dalla stessa prestata, come ab origine concordato fra le parti". L’uomo già nel 2005 era stato condannato anche al pagamento di una somma a titolo di risarcimento danni nei confronti della prostituta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    25 Gennaio 2012 - 11:11

    Uno che si tromba una mignotta contro la sua volonta' e stupro.Uno che se la tromba senza soldi....è stupro ugualmente.E se la mignotta gli fa credito?Ecco un buon spunto per farli lavorare.

    Report

    Rispondi

  • agosman

    03 Marzo 2010 - 21:09

    La prostituta vende per soldi il proprio corpo e il cliente o come qualcuno dice “il consumatore finale” ne acquista la disponibilità per compiere l’atto sessuale pagandone il relativo prezzo. Se viene concordato il pagamento anticipato e il cliente paga, la prestazione si svolge e non ci sono problemi. Ma se il cliente non paga e la donna rifiuta la prestazione o rifiuta il proseguimento della prestazione già iniziata in attesa del pagamento, se il cliente inizia o prosegue il rapporto con la forza e contro la volontà della prostituta va da se che non può che essere violenza sessuale. Mab in un commento di tre righe fa dell’ironia sul “mancato guadagno del magnaccia” ed evoca virus da impazzimento in merito, ma a parte l’ironia a me sembra che la conferma della condanna emessa dal giudice di merito, da parte della Cassazione sia sacrosanta.

    Report

    Rispondi

  • mab

    03 Marzo 2010 - 19:07

    Non li hanno considerati? Dovrebbero essere parte lesa per mancato guadagno. Mi viene seriamente a pensare che ci sia qualche virus nell'aria che fà impazzire e persone, specie quelle che dovrebbero amministrare con senso questo povero paese all sbando.

    Report

    Rispondi

blog