Cerca

Rifiuti, l'Europa condanna l'Italia

"Le autorità competenti hanno messo in pericolo la salute umana e recato pregiudizio all’ambiente"

Rifiuti, l'Europa condanna l'Italia
La Corte di giustizia europea ha condannato l'Italia sul caso dei rifiuti in Campania per la violazione della direttiva Ue. Nella sentenza pronunciata oggi i giudici del Lussemburgo hanno accolto il ricorso presentato dalla Commissione europea nel luglio 2008. 

Le motivazioni
- In un comunicato ufficiale della Corte si legge:  "Non avendo adottato tutte le misure necessarie allo smaltimento dei rifiuti nella Regione Campania le autorità competenti hanno messo in pericolo la salute umana e recato pregiudizio all’ambiente". Viene criticata soprattutto la mancanza di "una rete adeguata e integrata di impianti di recupero e smaltimento dei rifiuti nelle vicinanze del luogo di produzione". Per queste ragioni "l'Italia è venuta meno agli obblighi che le incombono" in forza della direttiva Ue del 5 aprile 2006. Se è vero che questa "fissa obiettivi di  protezione dell’ambiente e di tutela della salute umana, essa non specifica il contenuto concreto delle misure che devono essere  adottate e lascia agli Stati membri un certo potere discrezionale. Per quanto riguarda quest’ultimo obiettivo, la Corte precisa tuttavia che  esso ha una funzione preventiva nel senso che gli Stati membri non  devono esporre la salute umana a pericolo nel corso di operazioni di  recupero e smaltimento dei rifiuti".
Il Paese "non ha contestato la circostanza che, alla scadenza  del termine fissato nel parere motivato, 55mila tonnellate di rifiuti  riempivano le strade, che vi erano fra le 110mila e le 120mila tonnellate di rifiuti in attesa di trattamento presso i siti comunali  di stoccaggio e che le popolazioni esasperate avevano provocato incendi nei cumuli di spazzatura". In tali circostanze i rifiuti  "hanno provocato inconvenienti da odori ed hanno danneggiato il  paesaggio, rappresentando così un pericolo per l’ambiente. D’altra  parte, l’Italia stessa ha ammesso la pericolosità della situazione  per la salute umana, esposta ad un rischio certo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luigigiggi1962

    05 Marzo 2010 - 15:03

    Cari amici, questa e' la sinistra. Spazzatura

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    05 Marzo 2010 - 11:11

    L'EMERGENZA RIFIUTI CE LA SIAMO RITROVATI.......RINGRAZIAMO ANCHE IL GOVERNO PRODI......PER QUESTA MULTA EUROPEA.

    Report

    Rispondi

  • franco bulgarelli

    04 Marzo 2010 - 18:06

    basta. ha ragione la Lega....federalismo non solo fiscale ma, anche POLITICO...ognuno per se..non è possibile che i goveernanti del Sud, continuino a fare delle cazzate paurose e, non pagano mai il dazio, se gli abitanti del Sud, che considero persone stupende, non vogliono cambiare e, accettano sempre governanti del cazzo, NON può essere che tutti gli altri Italiani paghino sempre...non parlo solo dell'immondizia, ma della sanità, delle strade, delle assunzioni, dei numeri dei forestali...BASTA...federalismo totale...

    Report

    Rispondi

  • lenny52

    04 Marzo 2010 - 18:06

    l'EUROPA è una istituzione inutile, anche i nostri Ministri se ne sbattono allegramente di quello che dice , perchè non dovrebbe farlo LA MONNEZZA?? a Palermo da quando sono nato 1952 è sempre stato emergenza pulizia cioè quando c'è qualcosa di pulito si sporca subito, non si sà mai dovesse prendere piede e infangare il nostro buon nome di sporchi terroni, ma dite veramente . Venite a Palermo il paesaggio è stupendo dove ti giri ti giri non c'è problema LA MONNEZZA sovrasta tutto e tutti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog