Cerca

La donna che non c'è

Sui media vecchia storia: non esiste la parità dei sessi, le donne simulano l'orgasmo. Ma sono solo i soliti cliché

La donna che non c'è
E' l'8 marzo e i media si scatenano. Ma quel che propongono è vecchio e stantio.
Come ogni anno, infatti, spuntanto verità assolute sulle donne.
Non esiste la parità dei sessi,  le femmine simulano l'orgasmo.  Oggi s'aggiunge la novità di una donna che vince l'Oscar, ma nessuno si ricorda il titolo del film e la vicenda viene chiusa così.
Questa storia dell'orgasmo, poi, viene veramente tirata fuori ad ogni pie'sospinto.
In questo 8 marzo 2010, pare che le cose non siano cambiate. Quell'o dell'orgasmo simulato sarebbe un  fenomeno riguardante il 48% delle donne, praticamente una donna su due. Il problema, spiega un sondaggio inglese,  è spesso di natura psicologica. Nella donna, infatti, a differenza dell'uomo, la componente emotiva ha maggiore peso. Sensi di colpa, irrequietezza, pensieri negativi, possono precludere il piacere femminile. In certi casi però il problema può anche essere di natura ereditaria.
Secondo uno studio inglese l'impossibilità di raggiungere il piacere femminile, dipende nel 45% dei casi dalla genetica. "Nella maggior parte delle situazioni l'impossibilità di raggiungere l'orgasmo dipende in realtà dalla scorsa conoscenza che le donne hanno della propria anatomia", rivela la studiosa romana. Ma un dubbio si insinua, questa volta.  E rivela quel che tutti non osano dire: le donne non simulano per divertimento. Ma perché chi c'è dall'altra parte, evidentemente, non fa il suo. E allora la parità, le mimose, i cioccolatini lasciati sulle scrivanie dell'ufficio non ci bastano più, davvero.
Basterebbe un po' più d'attenzione alle anziane che attraversano la strade, alle donne incinte in piedi stipate sui metrò, una carezza in più alla mamma o alla sorella. Tutto qua.  E allora lo vedreste nascere, quel sorriso che oggi sulla stampa dite non esistere.
 Nessuna simulazione, solo la pura, sacrosanta, verità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog