Cerca

Cirio, prosciolti Cragnotti e Geronzi

Decade l'accusa di estorsione a Tanzi, nell'ambito della cessione di Eurolat a Parmalat

Cirio, prosciolti Cragnotti e Geronzi
Non ci sarà alcun processo a Roma nei confronti di Sergio Cragnotti e Riccardo Bianchini Riccardi, (rispettivamente ex proprietario ed ex amministratore di Cirio), e dell’ex presidente di Banca di Roma Cesare Geronzi accusati di estorsione ai danni di Calisto Tanzi in relazione all’acquisto della società Eurolat da parte del gruppo Parmalat nell’estate del '99.
Lo ha deciso il gup Tommaso Picazio che ha prosciolto i tre per i quali i pm Tiziana Cugini, Rodolfo Sabelli e Gustavo De Marinis avevano sollecitato il giudizio.
Toccherà, invece, alla Cassazione decidere se il reato di bancarotta attribuito ai tre debba essere di competenza del tribunale di Parma, che a suo tempo si dichiarò incompetente, oppure di quello di Roma. "Esprimo la mia soddisfazione - ha commentato l’avvocato Cataldo Intrieri, difensore di Bianchini Riccardi - per il venir meno dell’ipotesi più grave di estorsione. Quanto all’ipotesi di bancarotta, si tratta di una clonazione processuale di un’ipotesi di reato già oggetto del dibattimento per il crac del gruppo Cirio in corso a Roma".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • hernando45

    24 Marzo 2010 - 21:09

    Lo stesso messaggio UGUALE PRECISO IDENTICO, Lei lo aveva già scritto in un'altra occasione. Ed il sottoscritto aveva provveduto immediatamente a risponderle per le RIME, ma vedo che Lei INSISTE come notoriamente sono usi fare quelli della sua parte politica e allora REPETITA JUVANT! Il sottoscritto ha iniziato a lavorare nel 1959 alla catena di montaggio studiando di sera,ed ha lavorato per differenti aziende (che non nomino per non fare pubblicità) per ben 39 anni FACENDOSI IL COSIDETTO MAZZO,ha affrontato trasferte in mezzo mondo della durata di mesi,ha lavorato anche 12/13 ore al giorno e tutto quel poco che è riuscito ad avere è solo frutto del suo SACRIFICIO, SI VERGOGNI SOLO A PENSARE QUELLO CHE HA SCRITTO!!! Pensi invece alle ARRAMPICATE dei suoi sicuramente amici che stavano in affitto in appartamenti supergalattici a UNO E UN POLDO nelle case dell'INPS e hanno la BARCA, io non ho mai avuto neanche una barca a remi. Saludos non proprio cordiales dal Leghista Monzese ecc .

    Report

    Rispondi

  • libero42

    22 Marzo 2010 - 21:09

    Prosciolti dal reato di bancarotta nei confronti di Tanzi non significa che non possano essere condannati per bancarotta fraudolenta insieme a Tanzi, sempre che la riforma del processo breve voluta da Berlusconi (prescrizione breve!) non butti all'aria tutto . Sveglia, gente!!

    Report

    Rispondi

  • libero42

    22 Marzo 2010 - 21:09

    Durante frequenti viaggi in sud-america ho conosciuto un sacco di auto-esiliati anziani, che si godono la pensione in amene città e paesini del centro-sud America. Molti di loro, trasferiti o fuggiti per debiti non pagati, famiglie e anziane mogli frodate degli alimenti, dipendenti di piccole imprese lasciati sul lastrico senza stipendi e liquidazione, tasse e contributi evasi di cui si vantano con gli amici. Molti di questi ex-grandi lavoratori si sbevacchiano drinks in compagnia di cosidette "piranhas", giovani mercenarie per fame che si appiccicano a questi vecchi lussuriosi italiani. Uno spettacolo squallido quanto osceno. Naturalmente ci sono delle eccezioni. Mi auguro che lei, autoesiliato Leghista fin dal 1998, quando d'Alema ecc. ecc non faccia parte di questa lurida marmaglia. Il fatto che non sia rientrato dopo l'avvento al potere dei suoi idolatrati leaders, Bossi e Berlusconi, mi lascia qualche dubbio sul suo auto-esilio. O anche Lei è un perseguitato dalla Magistratura?

    Report

    Rispondi

  • lallalalla

    22 Marzo 2010 - 20:08

    poveretti i poveri di questa repubblica che non sanno quello che hanno fatto quei due Lalla

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog