Cerca

Infanticidio, scarcerata la madre

Lascia il carcere Katerina Mathas, accusata dell'omicidio del figlio di otto mesi

Infanticidio, scarcerata la madre
Katerina Mathas lascia il carcere. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Genova Vincenzo Papillo che ha accolto l'istanza di revoca della misura cautelare presentata dagli avvocati della donna. La madre 26enne indagata insieme al compagno Gian Antonio Rasero per l'omicidio del figlio di otto mesi sarà scarcerata nel pomeriggio. A convincere il gip sono state le contraddizioni nella versione fornita da Rasero. Inoltre la notte dell'omicidio, tra il 15 e il 16 marzo, nella fascia oraria in cui il bimbo probabilmente è stato seviziato e ucciso, Katerina Mathas era uscita per acquistare cocaina, lasciando soli nel residence di Genova-Nervi il compagno e il piccolo Alessandro.

Segni di sevizie
- Il bambino era stato trasportato dalla coppia al pronto soccorso dell'ospedale pediatrico Gaslini con un grave trauma cranico. Era già morto, ma i sanitari avevano tentato comunque una manovra di rianimazione. Il personale medico, constatando che la ferita non era compatibile con una caduta, aveva avvertito la polizia e, in seguito, il medico legale aveva  trovato segni di ustioni (forse da sigaretta), lividi e poi una lesione alla spalla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roaldr

    05 Aprile 2010 - 15:03

    comunque colpevole, perchè, anche fosse stato "lui" l'esecutore materiale del delitto, "lei" dov'era? strafatta di droga, inebetita al punto di non riuscire a reagire e a proteggere, com'era suo dovere, e come dovrebbe essere suo istinto, il proprio bambino? E poi, possibile che non si possa più nemmeno farsi una sana scopata, senza imbottirsi di droghe? Boh....

    Report

    Rispondi

blog