Cerca

Agcom, atti al Tribunale dei ministri

La Procura di Roma conferma l'impianto accusatorio e chiede nuovi accertamenti

Agcom, atti al Tribunale dei ministri
Dopo il passaggio dalla Procura di Trani a quella di Roma, il fascicolo sul caso Agcom passa al Tribunale dei ministri. L'inchiesta sulle presunte pressioni esercitate dal premier Silvio Berlusconi sul commissario Giancarlo Innocenzi per la chiusura di"AnnoZero" non sarà dunque archiviata, almeno per il momento. Lo hanno  stabilito il procuratore Giovanni Ferrara, l’aggiunto Alberto Caperna e i pm Caterina Caputo e Roberto Felici, confermando l’impostazione accusatoria dei colleghi pugliesi.

Nuovi accertamenti - I magistrati, nel trasmettere gli atti, chiedono al Tribunale dei ministri di svolgere nuovi accertamenti e in particolare: la trascrizione delle telefonate, giunte in forma riassuntiva da Trani; l'acquisizione di alcuni documenti dall’Agcom e dalla Rai; l'audizione di circa quindici persone informate sui fatti in quanto coinvolti nelle intercettazioni. Tra questi vi sono il direttore generale della Rai, Mauro Masi, lo stesso Innocenzi e il presidente dell’Agcom, Corrado Calabrò.

Il presidente del Consiglio resta quindi indagato per concussione e minaccia a un corpo politico, amministrativo o giudiziario. Parti offese sono Masi, Innocenzi e l’Authority. Il tribunale avrà 90 giorni per le sue determinazioni e i nuovi atti istruttori da ritrasmettere alla procura capitolina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giuliab09

    09 Aprile 2010 - 12:12

    la vostra faziosità, non riconosce le cose buone che sta facendo questo governo, continuate con gli insulti , con il ricordare le inchieste giudiziarie del premier, vorrei vedere se qualcuno di voi, fosse sottoposto alle numerosissime inchieste ,a cui è stato sottoposto il suddetto, cosa sarebbe successo....a tutte le inchieste ne è uscito brillantemente...per quanto riguarda il conflitto d'interesse chiunque entri in Parlamento ed abbia una professione o un qualsiasi interesse ha un conflitto perchè logicamente cercherà di difendere il proprio INTERESSE? Questa benedetta uguaglianza, che sbandierate ai quattro venti , è un'utopia, perchè qualsiasi cosa si tocchi , anche per questioni soggettive , già è inattuabile...Quindi a me basta che chi governa cerchi di fare cose che servano al bene del Paese e a tutti noi.!!!!E carissimi rossi i microcefali forse stanno dalla parte di chi agli argomenti sostituisce slogan deliranti!!!!

    Report

    Rispondi

  • dragare

    09 Aprile 2010 - 09:09

    ma guarda un po' sti stronzi di magistrati comunisti si permettono ancora il lusso di tenere sotto inchiesta il misternano berlusca - ma vuoi vedre che alla fine fli stronzi magistrati comunisti avevano ragione e forse l'esercito dei feltrini e dei bel di dietro erano una massa si lecca-lecca e microcefali?

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    09 Aprile 2010 - 09:09

    Non a caso questa maggioranza ha cercato anche di limitare i blog pesantemente ma non ci sono riusciti per fortuna!!!Questi sono dei volponi, libertà di qua libertà di là ma sono peggio del braccio secolare di lontana memoria...pian piano tutti i media saranno omologati, così come i loro protagonisti......

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    09 Aprile 2010 - 09:09

    E' proprio vero: quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito..............Ah il Silvio!Che mente diabolica, riesce a rigirare sempre la frittata sembrando alla fine lui la vittima, non a caso continua a vincere le elezioni televisive (tranne quella volta con Prodi che...e si sa come finì)....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog