Cerca

La Ferrario contro Minzolini

Lettera affissa alla bacheca della Rai: "L'ambizione di alcuni di voi e la paura di altri vi impedisce di parlare"

La Ferrario contro Minzolini
Dopo la protesta di Maria Luisa Busi anche Tiziana Ferrario si ribella alla decisione del direttore Augusto Minzolini. Il ricambio generazionale alla conduzione del tg della prima rete non è stato gradito dalla giornalista che affida lamentele, accuse e osservazioni a una lettera affissa alla bacheca della Rai.

La lettera - La Ferrario parla ai colleghi e denuncia: "Quello che sta accadendo da mesi in questo giornale, le emarginazioni di molti colleghi, i doppi e tripli incarichi di altri, le ripetute promozioni e le ricompense elargite sotto forma di conduzioni e rubriche sono il frutto di una deregulation che viene da lontano ma che si è ulteriormente inasprita e che a mio parere non promette nulla di buono per il futuro. Da mesi siamo sui giornali, sotto pressione non certo per gli scoop ma per le polemiche che ci rispondono. Il Tg1 era un patrimonio di tutti, sta subendo una perdita di credibilità. L'ambizione di alcuni di voi e la paura di altri vi impedisce di parlare apertamente".

Direzione padronale - Giornalisti e politici colgono la palla al balzo per accusare Minzolini e chiedere "un’audizione urgente del direttore e dei giornalisti coinvolti nella vicenda in seno alla commissione di vigilanza Rai".  Il senatore Francesco Pancho Pardi, capogruppo IdV nella commissione, parla di un "ennesimo campanello d’allarme sullo stato di salute dell’informazione al Tg1. Fatto salvo il diritto del direttore di decidere linee editoriali e conduttori con metodo democratico, risulta indigesta e sinistra la tempestività con cui si colpiscono i giornalisti che hanno manifestato indipendenza e spirito critico. Le parole della giornalista aprono uno squarcio su una gestione caudillista della redazione e sulla gravissima perdita di ascolti che questa comporta". Secondo il Pdci, "la dura lettera con cui Tiziana Ferrario, dalla bacheca della redazione si rivolge ai colleghi per ricordare il clima che si respira in redazione è l’ennesima conferma della direzione padronale di Minzolini. A questo punto, chiediamo a Garimberti e Zavoli di intervenire, anche a tutelare la professionalità dei giornalisti che, come la Ferrario, hanno il coraggio di venire allo scoperto: quanto denunciato non può assolutamente passare in cavalleria. La Rai non è una succursale di Palazzo Chigi. Che farà ora la direzione Rai? Dopo la Busi manderà una lettera di richiamo anche alla Ferrario?"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bastsardo

    29 Settembre 2011 - 14:02

    certo che se inpari l'italiano guardando i giovani del tg1 siamo proprio messi bene!!!

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    07 Marzo 2011 - 20:08

    in questi 28 anni a chi ha ubbidito senza alzare un dito? Ai suoi compagni sinistri di merenda, ecco perchè è stata sempre in silenzio, perchè conduceva il Tg1 come piaceva ai vari governi di Centro sinistra. Ora la signora si scalda e pretende di decidere Lei su chi deve condurre o non condurre, addirittura attaccando il Direttore che è chiamato a queste scelte, a rischio se le scelte non funzionano di critiche e richieste di dimissioni. Non basta neanche il fatto che con Minzolini Direttore l'odiense del TG1 supera quello del Tg5. Minzolini accontenti pure la Ferrario mandandola in video dalle 2 alle 4 del mattino, a quell'ora c'è sempre qualcuno che soffre di insonnia.

    Report

    Rispondi

  • caimano

    07 Marzo 2011 - 18:06

    Mi chiedo per quale motivo sono costretto a versare ogni anno il canone alla Rai. Sono nauseato da quello che vedo in TV (pubblica) e mi chiedo : ma i Direttori di Rete, i Direttori dei Tg e comunque i Direttori Generali cosa ci sono a fare, se comunque non hanno la facoltà di decidere chi deve o non deve condurre un tg o una trasmissione.

    Report

    Rispondi

  • adaniel

    30 Dicembre 2010 - 12:12

    ferrario...mediocre e presuntuosa- l'unica sua chance era di arruolarsi tra i giornalai di sinistra- occorre un urgente aggiornalmeto dello statuto dei lavoratori- e poi i giornalisti (o giornalai nel caso di ferrario) sono lavoratori??? ma andiamo, via- un grande girnalista fotografo così il "lavoro" dei giornalisti: fare il giornalista è pur sempre meglio che lavorare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog