Cerca

Strage di Erba, parla il sopravvissuto Mario Frigerio:

"Sono due bestie sanguinarie. Io ho sempre detto che è stato Olindo"

Strage di Erba, parla il sopravvissuto Mario Frigerio:
L’unico sopravvissuto alla strage di Erba, Mario Frigerio, non ha dubbi sulla colpevolezza di Rosa Bazzi e Olindo Romano, condannati in primo grado all'ergastolo per il quadruplice omicidio dell'11 dicembre 2006.
«L'ho detto – ha detto Frigerio presente nell'aula dove si celebra il processo di appello - fin dal primo momento che era Olindo, gli ero vicino, non oltre un metro e mezzo di distanza».

Frigerio non li perdona: i coniugi Romano hanno ucciso 4 persone, tra cui sua moglie. «Sono due bestie sanguinarie - sottolinea - lo hanno dimostrato anche con l'ultima lettera in cui si rivolgevano a me».
Frigerio si salvò solo perché creduto morto, ma di quella strage, ha ancora visibili sul corpo i segni: una profonda ferita al collo, difficoltà motorie e un tutore che gli protegge il braccio sinistro. Le coltellate inferte dall'aggressore gli hanno reciso una corda vocale: la sua voce è infatti molto flebile. Il fatto che i difensori mettano in dubbio la sua testimonianza gli procura «ulteriore dolore». «È un dolore che si aggiunge a quello che già abbiamo provato - ha aggiunto Frigerio - Questo non è giusto per noi e per le vittime».
Frigerio nella strage perse la moglie Valeria Cherubini. La coppia era intervenuta nell'appartamento di Raffaella Castagna dove era scoppiato un incendio.

Oltre a Valeria Cherubini
, nella strage furono uccisi Raffaella Castagna, suo figlio Youssef e la madre di Raffaella, Paola Galli. Frigerio, nonostante una profonda ferita alla gola, riuscì a sopravvivere e riconobbe Olindo Romano come suo aggressore.
I difensori degli imputati hanno più volte cercato di smontare la sua testimonianza, sostenendo che Frigerio non fece subito il nome di Olindo, descrivendo, secondo la difesa, un'altra persona, e chiamò in causa l'ex netturbino solo in un secondo tempo.
«La verità non è quella che dicono loro, ma è la mia e io non ho paura di ripeterla» ribadisce Frigerio. «Io ho sempre detto che è stato Olindo. L'ho avuto a un metro e mezzo. Ho voluto esserci oggi per poterlo guardare negli occhi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • inm

    15 Aprile 2010 - 21:09

    ci vorrebbero delle prove per dimostrare che la confessione sia "pilotata", come ha avanzato un utente. Un utente che, guarda caso, parlava proprio di "prove". Però, non so, forse sbaglio io.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    14 Aprile 2010 - 20:08

    qua c'è uno che poteva essere la 5^ vittima,che ha visto o no?scusate,chi tentava di ucciderlo, dice i nomi,MA SONO NUMERI!

    Report

    Rispondi

  • mab

    14 Aprile 2010 - 18:06

    Non credo di aver sognato, ma subito dopo l'accaduto sono certo aver sentito la dichiarazione (o diretta o riportata) di questo signore che affermava essere stato aggredito da un uomo dalla pelle scura-olivastra che mai aveva conosciuto.

    Report

    Rispondi

  • Braccio da Montone

    14 Aprile 2010 - 17:05

    >>> Ognuno è libero di pensarla come vuole ed ergersi a giudice. Ma, nei fatti: PROVE ZERO. Unico riferimento una confessione "pilotata". I nostri investigatori, inutile elencare precedenti e processi in corso, non sono all'altezza. Dipenderà dal fatto che molti sono laureati "così e così" parenti ed amici degli amici di amici che lì li hanno sistemati. A far danni.<.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog