Cerca

Emergency, i tre italiani sono in buone condizioni

Frattini contro Strada: "Frasi da evitare nell'interesse dei connazionali"

Emergency, i tre italiani sono in buone condizioni

Matteo dell'Aira, Marco Pagano e Matteo Garatti, fermati sabato scorso dalla polizia afghana, si trovano ora, secondo quanto riferisce una nota della Farnesina, in una struttura detentiva nei pressi di Kabul.
«Durante l'incontro protrattosi per circa un'ora - si legge nella nota - la delegazione italiana ha potuto appurare le buone condizioni di salute di cui godono i tre connazionali. Il Ministro Frattini ha provveduto ad informare le famiglie dei tre italiani dell'incontro rassicurandole del loro stato di salute e detenzione». «Durante l'incontro - conclude la nota - i tre connazionali hanno tenuto a ringraziare il Direttore della struttura per il trattamento finora loro garantito ed il governo italiano per l'attenzione con cui sta seguendo la vicenda».
I tre operatori di Emergency sono sati trattati bene. Lo hanno detto loro stessi ai diplomatici italiani, l'ambasciatore italiano Claudio Glaentzer e l'inviato di Frattini Massimo Iannucci. Durante l'incontro, i tre «hanno tenuto a ringraziare il Direttore della struttura per il trattamento finora loro garantito ed il governo italiano per l'attenzione con cui sta seguendo la vicenda».

 

 

Frattini contro Strada - di Marco Gorra
Sul versante politico, ieri è stato il giorno dello scontro tra ministero degli Esteri e Gino Strada. Ad aprire le ostilità, il fondatore di Emergency: «Il governo», ha detto in un’intervista al sito Affari italiani, «ha la responsabilità di proteggere i propri connazionali, non c’è dubbio. O non l’ha fatto o non gli è stato consentito di farlo dagli afghani. Se la sicurezza afghana avesse arrestato tre americani un quarto d’ora dopo ci sarebbero stati cento marines che sarebbero entrati e li avrebbero liberati». Stesso tenore in una lettera di Strada a Repubblica, dove il chirurgo afferma che «neanche un demente» potrebbe credere alle accuse contro Emergency e che a dare credito alle medesime in Italia sono stati «pochi mediocri». Parole che hanno innescato la dura reazione della Farnesina: «Frasi e comunicazioni come quelle attribuite a Gino Strada», si legge in una nota diffusa in serata dal ministero, «sarebbero da evitare nell’interesse dei connazionali la cui tutela è assoluta priorità del governo italiano». Il pressing della maggioranza, intanto, continua. Il ministro della Difesa Ignazio La Russa ha detto senza mezzi termini che «l’Afghanistan ha un debito di   riconoscenza nei nostri confronti e non potrà non considerare la   nostra richiesta precisa di garantire i diritti di difesa degli   italiani arrestati». Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, «auspica che il governo afgano garantisca i diritti dei tre operatori e che vengano fornite al più presto alle autorità italiane risposte concrete e soddisfacenti, tali da accertare la verità dei fatti». Di tutt’altro avviso il Partito democratico. Il leader Pier Luigi Bersani ha accusato apertamente il governo di non essersi speso a sufficienza: «Oltre all’azione diplomatica efficace», ha detto Bersani, «una parola in più sul ruolo e il significato della presenza di questa grande organizzazione sarebbe stata gradita».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gian65

    22 Aprile 2010 - 05:05

    Dice :" se li hanno arrestati sono convinto che c'e' sotto qualchecosa.." anchio sono convinto che sotto c'e'' qualche cosa ; bisognerebbe chiedere agli inglesi, a frattini, la rissa ed amici perche'hanno agito in questo modo vergognoso. a proposito se inquisiscono il berlusconi sono convinto che sotto c'e' qualche cosa .....

    Report

    Rispondi

  • gian65

    22 Aprile 2010 - 05:05

    purtroppo siamo rappresentati da personaggi alla frattini : come italiano non e' accettabile le parole dette da questo personaggio e dal suo amico la rissa. sono stati nominati e non eletti al parlamento quindi devono seguire al 100% quello che il padrone ordina...

    Report

    Rispondi

  • ilcantodelgrillo

    17 Aprile 2010 - 14:02

    Non credo che bisogna essere manichei a tutti i costi e pensare che tutto il bene sta da una parte e tutto il male dall'altra. L'accusa rivolta ai medici è grave ed allora delle due l'una: o i medici sono innocenti ed allora gli inquisitori debbono immediatamene rilasciarli e risarcire i danni; o non lo sono ; in questo caso il fatto di appartenere ad un'organizzazione umanitaria non è rilevante e non è impotante che siano medici gli arrestati. Bisogna prima fare chiarezza e poi parlare e reagire. Il fatto di dire aprioristicamente che sono innocenti o colpevoli non giova a nessuno. Strada è troppo fazioso e non sembra affatto un medico ma un mercenario in cerca di fortuna. Aspettiamo di conoscere la verità stante che i protetti di Strada non sono piu' uguali degli altri. Accusare l'Italia di essere tiepida contrariamente a quanto avrebbe fatto l'America è una degenerazione della mente. E' singolare che i comunisti invochino l'America solo per lor comodo.

    Report

    Rispondi

  • BLACKMAGIC

    17 Aprile 2010 - 13:01

    mingo MA HAI SUBITO ATTI DI BULLISMO, DI VIOLENZA, SEI CADUTO DAL SEGGIOLONE DA PICCOLO? PERCHE’ OSTENTI UN BISOGNO DI EMERGERE, COME SE FOSSI STATO OPPRESSO/SOPPRESSO TROPPE VOLTE DALL’AMICO BULLETTO DELLE SCUOLE ELEMENTARI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog