Cerca

Emergency, manifestazione a Roma

Volontari incatenati in piazza per protesta

Emergency, manifestazione a Roma
«Non è una manifestazione contro nessuno. È una manifestazione di solidarietà e di testimonianza di chi sceglie di stare dalla parte di una organizzazione umanitaria, anziché dalla parte di chi con la violenza chiude ospedali». È quanto ha dichiarato Gino Strada poco prima dell’inizio della manifestazione  organizzata in Piazza S.Giovanni, a Roma, a sostegno dei tre operatori di Emergency arrestati in Afghanistan.

Accanto al palco sono ben visibili le foto dei tre italiani e il grande striscione 'Io sto con Emergency', oltre che le tante  bandiere bianche con il logo rosso dell'Associazione. Il logo è presente anche sulle magliette indossate dai partecipanti, e che possono essere acquistate al costo di 5 euro nei vari gazebo allestiti ai margini della piazza. Il ricavato delle vendite sarà destinato alla realizzazioni di diversi progetti.

Oltre alle bandiere di Emergency, appaiano numerosi anche i vessilli arcobaleno della pace: uno, lungo addirittura alcuni metri, è disteso al centro della piazza. Molto sono i partecipanti provenienti dal Nord Italia, ma ci sono anche gruppi provenienti da Napoli, Modena e Ferrara. Assenti bandiere di partito. Tra i partecipanti alla manifestazione ci sono anche il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, il segretario di Rifondazione, Paolo Ferrero, il senatore dell'Idv, Stefano Pedica e lo storico rappresentante della sinistra, Armando Cossutta.

Un gruppo di volontari di Emergency si è simbolicamente incatenato in piazza. «Anche noi abbiamo confessato - spiega Peppe, uno dei volontari, giunto a Roma da Napoli - quelle accuse sono solo una bufala, tanto è vero che volevamo portare in piazza le mozzarelle». Peppe ha spiegato di essere iscritto ad Emergency dal '94 «e quindi conosco tutti, anche i tre arrestati. A parte le loro storia posso assicurare che sono persone che lavorano 26 ore al giorno: ciò che è successo è stato un vero atto di follia».


Ai 50mila che, secondo gli organizzatori, affollavano la piazza il fondatore di Emergency ha detto: "Da oggi mettete degli stracci bianchi a tutte le finestre" per ribadire il messaggio della  manifestazione. Strada ha poi confermato l’impegno dell'organizzazione "per aiutare chi soffre per la pace contro la guerra e contro il terrorismo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sicilianodoc

    19 Aprile 2010 - 13:01

    Suvvia TOSCANOROSSO,ti reputi tanto colto ed informato eppoi non comprendi che Gino Strada e'un antitaliano che fa politica filoterrorista.Ma te lo dobbiamo far notare noi o tu proprio fai finta di non vederlo perche'evidentemente sei come lui?Invece di essere ossessionato dai congiuntivi altrui,perche'non pensi con la tua testa?Non e'il congiuntivo,giusto o sbagliato che sia,che identifica una persona,ma l'intelligente uso che fa delle proprie facolta'di pensiero e di ragionamento,e consentimi di dirti che leggendoti sono proprio queste facolta'che ti mancano.Sii libero,esci dall'indottrinamento comunista che tanto nocivo e'per gli uomini e fai il bene agli altri senza pubblicizzarti tanto,ma con modestia di mente,sapendo che,con il metro con il quale misuri gli errori altrui questi saranno misurati a te. AUGURI.

    Report

    Rispondi

  • sicilianodoc

    19 Aprile 2010 - 13:01

    Suvvia TOSCANOROSSO,ti reputi tanto colto ed informato eppoi non comprendi che Gino Strada e'un antitaliano che fa politica filoterrorista.Ma te lo dobbiamo far notare noi o tu proprio fai finta di non vederlo perche'evidentemente sei come lui?Invece di essere ossessionato dai congiuntivi altrui,perche'non pensi con la tua testa?Non e'il congiuntivo,giusto o sbagliato che sia,che identifica una persona,ma l'intelligente uso che fa delle proprie facolta'di pensiero e di ragionamento,e consentimi di dirti che leggendoti sono proprio queste facolta'che ti mancano.Sii libero,esci dall'indottrinamento comunista che tanto nocivo e'per gli uomini e fai il bene agli altri senza pubblicizzarti tanto,ma con modestia di mente,sapendo che,con il metro con il quale misuri gli errori altrui questi saranno misurati a te. AUGURI.

    Report

    Rispondi

  • sicilianodoc

    19 Aprile 2010 - 13:01

    Suvvia TOSCANOROSSO,ti reputi tanto colto ed informato eppoi non comprendi che Gino Strada e'un antitaliano che fa politica filoterrorista.Ma te lo dobbiamo far notare noi o tu proprio fai finta di non vederlo perche'evidentemente sei come lui?Invece di essere ossessionato dai congiuntivi altrui,perche'non pensi con la tua testa?Non e'il congiuntivo,giusto o sbagliato che sia,che identifica una persona,ma l'intelligente uso che fa delle proprie facolta'di pensiero e di ragionamento,e consentimi di dirti che leggendoti sono proprio queste facolta'che ti mancano.Sii libero,esci dall'indottrinamento comunista che tanto nocivo e'per gli uomini e fai il bene agli altri senza pubblicizzarti tanto,ma con modestia di mente,sapendo che,con il metro con il quale misuri gli errori altrui questi saranno misurati a te. AUGURI.

    Report

    Rispondi

  • bob75

    19 Aprile 2010 - 06:06

    La manifestazione, su esplicita richiesta di Strada, era senza simboli politici e non era contro nessuno ma a favore della liberazione. Se poi quei pochi che scrivono qui avessero fatto un millesimo di quello che ha fatto Strada, potrebbero parlare, altrimenti meglio rimanere zitti e ringraziare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog