Cerca

Roma, tamponamento tra due treni

70 feriti non gravi ricoverati al Policlinico Gemelli

Roma, tamponamento tra due treni

Sono circa settanta i pazienti in trattamento presso il Pronto Soccorso del Policlinico universitario “Agostino Gemelli” di Roma, a causa del tamponamento di due treni avvenuto questa mattina sulla tratta regionale Roma-Viterbo. L'80% sono codici verdi, il restante 20% codici gialli. Nonostante l'iperafflusso dei pazienti, la situazione è sotto controllo ma in evoluzione.
I feriti sono giunti al Pronto Soccorso del Gemelli con diverse ambulanze (Ares 118, Croce rossa italiana e altre associazioni), con un autobus messo a disposizione dall'Atac e con mezzi privati.

È stata riattivata alle 9:15 la tratta della ferrovia regionale Roma-Civitacastellana-Viterbo tra piazzale Flaminio e Grottarossa, bloccata a causa del tamponamento tra due treni, avvenuto all'altezza della Stazione La Celsa, non lontano da Labaro, avvenuto tra le 7 e le 7:05. L’Atac ha attivato un servizio sostitutivo di navette tra Grottarossa e Montebello, mentre da Montebello in su il servizio procede regolarmente.
Il tamponamento tra due treni della tratta Roma-Viterbo è avvenuto intorno alle 7, in località La Celsa, all'altezza della Flaminia a Prima Porta. A quanto si è appreso dai vigili del fuoco, un treno era fermo ed è stato preso in pieno da un altro che sopraggiungeva.
I feriti sarebbero almeno una cinquantina. I contusi, tutti in codice verde, sono stati soccorsi. La circolazione dei treni è stata interrotta.
L'ultima carrozza del convoglio tamponato è danneggiata sulla parte posteriore e pende di circa 45 gradi sui binari. Lievemente danneggiata la prima carrozza del treno che ha tamponato l'altro convoglio di cui però il parabrezza anteriore è sostanzialmente integro, segno che la velocità alla quale viaggiava non era elevata. L'Atac che gestisce questa tratta fa sapere che c'è l'obbligo di avere una velocità moderata.

I feriti sono stati suddivisi tra gli ospedali Villa San Pietro, Sant'Andrea e Gemelli. I contusi sono stati portati in ospedale in parte dal 118, in parte con le vetture bus. A quanto si apprende il personale del treno non sarebbe rimasto in alcun modo ferito. L'incidente è avvenuto in un orario frequentato, ma non all'ora di punta, che cade circa mezz'ora più tardi. All'ora di punta sono circa 500 i passeggeri a convoglio mentre all'ora dell'incidente, una prima stima, potevano essere circa 300.
Ci vorrà qualche giorno per accertare le cause del tamponamento tra due treni della Roma-Viterbo all'altezza della Stazione La Celsa. È quanto si apprende dall’Atac, che ha spiegato che è necessario ora tirar fuori i dati del sistema di controllo di marcia. Sul posto diverse auto di polizia e carabinieri. I militari stanno effettuando ora dei rilievi vicino ai binari. Alla Stazione La Celsa anche molti vigili urbani e un mezzo dell'Ares 118. Riguardo alla manutenzione e ai controlli dei treni, l’Atac rende noto che vengono seguite scrupolosamente le indicazioni del ministero dei trasporti. Senza il via libera, spiegano, il treno non può neanche uscire dal deposito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog